Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

l'altro norme volte ad ottenere uno stabile ed elevato livello di occupazione, oltre che a regolare il commercio in un'ottica di riduzione delle restrizioni reciproche e di promozione dello sviluppo industriale. A Ginevra, nel corso di una delle sessioni preparatorie dell'Organizzazione, si svolsero anche i previsti negoziati multilaterali per la riduzione delle tariffe doganali concretizzatisi nella stesura di liste di concessioni per il reciproco trattamento tariffario dei vari prodotti e con lo scopo di vincolare gli Stati già da subito ad una diminuzione delle barriere (nell'ottica di inserire tale struttura come onere di adesione alla futura Organizzazione Internazionale di cui si prevedeva a breve la nascita). Con gli stessi negoziati si previde inoltre un insieme di regole transitorie di condotta commerciale (inserite nella parte II) per garantire il mantenimento degli impegni assunti ed evitare pratiche commerciali scorrette in grado di aggirarli 21 (regole che avrebbero cessato di aver efficacia alla nascita dell'ITO, lasciando come riferimento quindi solo la parte I e III di tale Accordo). Non era prevista però alcuna disposizione di carattere organizzativo dato che il governo americano operava sotto una speciale delega conferita dal Congresso (competente in materia di accordi commerciali), la cui scadenza sarebbe avvenuta di lì a poco 22 ed il cui rinnovo, a causa di una nuova maggioranza, era considerato poco probabile. 21 In questa parte anche il ben noto Articolo VI, la cui facoltà di applicazioni per gli Stati Uniti (già dotati di un apparato normativo indirizzato al dumping ed alle sovvenzioni dai requisiti procedurali però meno rigorosi) costituì nel corso degli anni uno dei maggiori disaccordi e conseguentemente uno delle cause che portarono alla stipulazione dei successivi Accordi di Implementazione. 22 Nel giugno del 1948. 14

Anteprima della Tesi di Alessandro Braccini

Anteprima della tesi: Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Braccini Contatta »

Composta da 391 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7810 click dal 20/09/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.