Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Nella necessità pertanto di stipulare un accordo commerciale entro tali termini il più completo possibile il 30 Ottobre del 1947 venne sottoscritto da ventitré Stati il cosiddetto Accordo Generale sulle Tariffe Doganali e sul Commercio (o GATT), il cui funzionamento era assicurato da subito grazie al cosiddetto "Protocollo di applicazione provvisoria". 23 Quasi contemporaneamente, nel corso della Conferenza plenaria convocata dal Consiglio Economico e Sociale che si svolse all'Avana dal 21-11-1947 al 24-3-1948, veniva terminato il testo della carta dell'ITO (anche denominata "Carta dell'Avana") con l'approvazione e la sottoscrizione da parte di cinquantaquattro Stati e con il proposito di essere ratificata entro un anno dalla stesura della stessa. Se nonché gravi difficoltà interne sofferte da Stati Uniti e Gran Bretagna nell’ottenere l’autorizzazione necessaria alla ratifica lasciarono allo stadio di progetto tale organizzazione, svuotata tra l’altro di contenuto a causa della mancata adesione di quegli Stati che maggiormente ne furono promotori e sostenitori. Gli Stati Uniti ad esempio, con un mutato clima di apertura e fiducia verso una completa cooperazione internazionale e sotto le pressanti richieste protezionistiche di varie associazioni di produttori, 24 giunsero nel Dicembre del 1950 all'annuncio ufficiale di rinunciare ad ottenere l'autorizzazione alla ratifica; presto seguito da un analoga dichiarazione da parte della Gran Bretagna. Rimase pertanto in vita solamente l'Accordo Generale che, 23 Un accordo in forma semplificata stipulato allo scopo di non dover attendere il deposito della ratifica contestualmente a quello della Carta dell’ITO (come era intenzione di molti Stati partecipanti). 24 Oltre alla diffidenza verso un accordo che prevedeva tra l’altro l’obbligo internazionale di perseguire la piena occupazione e non garantiva un sufficiente controllo delle restrizioni quantitative applicate al commercio. 15

Anteprima della Tesi di Alessandro Braccini

Anteprima della tesi: Il dumping e l'antidumping nell'Organizzazione Mondiale del Commercio, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Braccini Contatta »

Composta da 391 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7811 click dal 20/09/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.