Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Tutela del Paesaggio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 1.3 Delega alle Regioni della tutela paesaggistica: D.p.r. 616/77. La tematica dei rapporti tra lo Stato, le Regioni e gli enti locali, nonché del riparto delle rispettive competenze, ha attraversato -negli anni che vanno dalla vigenza della Legge sulle bellezze naturali fino alla promulgazione della Galasso- una fase di profonda trasformazione. Quest’ultima ha riguardato anche la materia ambientale e, di conseguenza, la tutela del paesaggio. Il dibattito concernente la protezione della natura, infatti, si è riaperto con nuove prospettive negli anni Settanta, in occasione dell’istituzione delle Regioni a statuto ordinario e dei decreti di trasferimento delle materie indicate dall’articolo 117 della Costituzione. Nell’ambito degli interventi aventi ad oggetto la protezione della “natura”, un primo sostanziale ampliamento degli spazi di autonomia delle Regioni si è determinato con l’entrata in vigore del D.lgs. 616 del 1977 26 . In particolare all’art. 82, modificativo della L. 1497/36, vengono delegate alle Regioni le funzioni più significative riguardanti la “protezione delle bellezze naturali per quanto attiene la loro individuazione, la loro tutela e le relative sanzioni 27 ”. Nello specifico, l’oggetto della delega consiste nella individuazione delle bellezze naturali (lett. a), nella concessione delle autorizzazioni o del nulla osta per le loro modificazioni (lett. b), l’adozione di provvedimenti cautelari (lett. e) e di demolizione, nonché l’irrogazione delle sanzioni pecuniarie 28 (lett. f). Come si è osservato, gli effetti del decreto 616 si esplicheranno direttamente sugli strumenti amministrativi di tutela del paesaggio ed incideranno notevolmente sull’applicazione del diritto. Vi si ravvisa nitidamente, da parte del legislatore, una volontà di disegnare un’inversione di tendenza in coerenza con il generale mutamento degli assetti di distribuzione delle funzioni amministrative ma, al 26 D. p .r. 24 Luglio 1977, n. 616, Trasferimento e delega delle funzioni statali alle regioni in attuazione dell’art.1 della legge 382/1975, in G.U.n. 234 del 29 Agosto 1977. 27 Art. 82, comma 1 , recante: “ Beni ambientali”. 28 Sulla portata e le valenze di queste attribuzioni subito dopo l’emanazione del d.p.r. n. 616 del 1977 vedi, tra i molti, G. Morbidelli, “Urbanistica, beni ambientali, acque ed inquinamenti”, in Le Regioni 1977, 1265 s.s.

Anteprima della Tesi di Francesca Chiavarone

Anteprima della tesi: La Tutela del Paesaggio, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesca Chiavarone Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15263 click dal 16/03/2005.

 

Consultata integralmente 41 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.