Skip to content

La Tutela del Paesaggio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 1.4 La c. d. Legge Galasso: L. 431/85. Tale legge 37 , detta Galasso dal nome del sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali che firmò il decreto per la delega del Ministro, opera delle trasformazioni essenziali nell’ambito della tutela ed è tutt’oggi la normativa di riferimento in materia paesaggistica. In primo luogo, se ci sofferma sul momento genetico della legge in esame, si ravvede, nel tentativo di matrice amministrativa di modificare l’apparato giuridico, una risposta emergenziale alle nuove necessità contingenti relative ad una diversa situazione economico e sociale. L’operatore giuridico amministrativo, presa coscienza della necessità imminente di porre freno al massiccio degrado ambientale 38 generato dalle nuove 37 La legge 431/85 nacque come un atto amministrativo – il D.M. 21 settembre 1984 – che sottoponeva a tutela paesistica, ai sensi della legge 1497/39, una serie di beni individuati per categorie il cui elenco veniva disposto nello stesso decreto all’art.1. L’art. 2 statuiva che, in vista dell’adozione di adeguati strumenti di pianificazione paesistica, gli organi periferici del Ministero dei beni culturali individuassero, tra i beni vincolati ai sensi della legge 1497/39 e in altre zone di interesse paesistico, le aree in cui fossero vietate modificazioni dell’assetto del territorio, nonché opere edilizie e lavori 37 . Successivamente il decreto fu annullato dal Tribunale Amministrativo del Lazio, il quale ritenne che il vincolo di cui alla legge 1497/39 non potesse imporsi sui beni individuati per categorie e, per parare gli esiti dell’annullamento, i contenuti del decreto vennero riproposti nella legge 431/85 (di conversione, con modifiche, del D. L. 27 giugno 1985, n. 312). I decreti ministeriali (c. d. Galassini) adottati in base all’art. 2 del D.M. 21 settembre 1984 per imporre il vincolo di inedificabilità assoluta sulle aree di particolare pregio ambientale e paesaggistico, ma pubblicati dopo l’entrata in vigore della L. 8 agosto 1985, n. 431, sono inefficaci quanto all’apposizione del vincolo che compete alla Regione, cui il relativo potere è stato delegato dalla stessa legge, ma conservano piena efficacia quanto all’autonoma dichiarazione di interesse ambientale che esse implicano, ed al regime di inedificabilità relativa che ne consegue. Pertanto, le opere insistenti nelle aree cui i decreti si riferiscono necessitano comunque dell’autorizzazione di cui all’art. 7 della L. 29 giugno 1939, n. 1497. L’esclusione dal vincolo paesaggistico disposta dal sesto comma dell’art. 82 del D.P.R. 24 Luglio 1977. n. 616, come modificato dal D.L. 27 giugno 1985, n. 312, convertito con modificazioni, nella L. 8 agosto 1985, n. 431, si applica solamente ai beni vincolati in base al quinto comma dello stesso art. 82, ma non ai beni il cui vincolo paesaggistico è stato apposto con apposito decreto ministeriale emesso nell’osservanza del procedimento previsto dalla L . 29 giugno 1939, n 1497, ovvero nell’esercizio del potere di integrazione degli elenchi delle bellezze naturali di cui all’art. 82 del D.P.R. 616/77. Le concessioni edilizie rilasciate per l’esecuzioni di opere incluse nelle aree vincolate, senza previa acquisizione e dell’autorizzazione paesaggistica di cui all’art.7 della L. 29 giugno 1939, n.1497, sono illegittime e meritevoli di annullamento. T.A.R Marche Sent. 23 febbraio 2000, n. 742. Da ciò è logico sottoporre l’attenzione alla distinzione, pacificamente riconosciuta in giurisprudenza, tra il profilo dell’individuazione del bene meritevole di tutela da quello della definizione del contenuto della tutela ( rimesso alla pianificazione). Nella specie si osservi che il vincolo paesistico (cioè l’individuazione di un’area come meritevole di tutela) può essere legittimamente imposto proprio con lo stesso provvedimento applicativo della misura cautelare (che determina l’inedificabilità assoluta dell’area) senza che da tale con testualità sia lecito interferire una presunta strumentalità del vincolo rispetto alla misura di salvaguardia. Alla luce di tanto, il decreto ministeriale sottoposto al giudizio del T.A.R., ancorché potenzialmente inefficacie quanto all’imposizione del regime di inedificabilità assoluta non lo è affatto quanto all’autonoma dichiarazione del loro interresse ambientale con conseguente assoggettamento degli eventuali interventi di trasformazione edilizio – urbanistico a delle aree stesse al regime autorizzatorio di cui alla L. 1497/ 1939. In M. Sgroi “Il Commento”, in Urbanistica e appalti 4/ 2001, p. 441 s.s. 38 Si rifletta sul fatto che nello stesso anno della promulgazione della L.431/85 veniva approvato il condono edilizio.
Anteprima della tesi: La Tutela del Paesaggio, Pagina 14

Preview dalla tesi:

La Tutela del Paesaggio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Chiavarone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giampaolo Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi