Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'art. 429, terzo comma, c.p.c. , nella legislazione e nella giurisprudenza più recenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 CAPITOLO 1 Struttura della disposizione. 1.1. L’art. 429, comma 3, c.p.c.: norma sostanziale o processuale? Il terzo comma dell’ art. 429 dispone che “ il giudice,quando pronuncia sentenza di condanna al pagamento di somme di denaro per crediti di lavoro, deve determinare, oltre gli interessi nella misura legale, il maggior danno eventualmente subito dal lavoratore per la diminuzione di valore del suo credito, condannando al pagamento della somma relativa con decorrenza dal giorno della maturazione del diritto”. Dalla semplice lettura della disposizione, emerge ictu oculi la prepotente portata sostanziale della stessa, quanto meno anomala in relazione alla collocazione della norma nel codice di rito.

Anteprima della Tesi di Eugenio Pagano

Anteprima della tesi: L'art. 429, terzo comma, c.p.c. , nella legislazione e nella giurisprudenza più recenti, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Eugenio Pagano Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5097 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.