Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Destini incrociati: Italo Calvino e gli scrittori americani postmodern

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 letteraria tradizionale, ed assorbire definitivamente il Lettore all’interno del ciclo di una produzione letteraria ormai anch’essa massificata e finalizzata solo alla voracità del mercato consumistico (fino all’estrema conseguenza dell’apologia del plagio sbandierata da Federman 7 ); per finire ad un uso senza falsi pudori del turpiloquio e della pornografia 8 . Ma tante diverse soluzioni tecniche non sono fini a se stesse, la letteratura post-moderna non torna a rinchiudersi nell’eburnea – e solipsistica – torre dell’arte: si tratta invece di tanti possibili modi di rendere conto della complessità della società occidentale contemporanea e di denunciarne le colpe e le contraddizioni. Il campo delle soluzioni sarà allora ampio; per limitarmi agli autori oggetto di questo studio, si andrà dalle complicazioni tortuose della trama nei romanzi di John Barth 9 , all’uso del linguaggio comune della fiaba di Donald Barthelme, alla scrittura enigmistica e alla science-fiction di 7 Raymond Federman , “Imagination as Plagiarism [ an unfinished paper …] “ in New Literary History, vol. 7, n° 1 Autumn ’75. 8 Usi che – e non occorrerebbe neanche sottolinearlo – non sfiorano neanche Calvino, scrittore pudico quanto pochi. Ma già alcune pagine di Nabokov parlano di sessualità in maniera alquanto esplicita ( l’accusa troppo facile di pornografia mossa a Lolita dimostra che, forse, quei censori lessero almeno le prime pagine del romanzo); e non è raro trovare pagine di Barthelme, di Barth, di Federman, cosparse di descrizioni apertamente – e parodisticamente - pornografiche. William Gass arriva a mettere nel frontespizio del suo Willie Master’s Lonesome Wife (1968) una foto frontale di un corpo di donna, e sul retro la foto di spalle della stessa, invitando esplicitamente il lettore ad un approccio con il testo appassionato quanto quello sessuale. 9 Calvino, nella citata intervista raccolta da Ugo Rubeo, definisce il secondo romanzo di Barth “esistenzialista”.

Anteprima della Tesi di Andrea Luppi

Anteprima della tesi: Destini incrociati: Italo Calvino e gli scrittori americani postmodern, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Andrea Luppi Contatta »

Composta da 277 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4822 click dal 16/03/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.