Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Destini incrociati: Italo Calvino e gli scrittori americani postmodern

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 all’Ou.Li.Po. francese, ad esempio, o l’attenzione riservata al realismo magico sudamericano 11 ), e dall’insegnamento dei “suoi” classici italiani ed europei 12 , che lo condussero attraverso innumerevoli esperimenti a creare un proprio corpus decisamente singolare per l’ampiezza delle proposte tecniche e dei temi toccati, e la concomitante unità “di tono” che attraversa e rende ben riconoscibile tutta la sua scrittura. Eppure parlare di filiazioni tra questi autori americani e Calvino, nell’una o nell’altra direzione, mi appare alquanto difficile – escludendo naturalmente Nabokov che appartiene ad una generazione precedente – ed uno sguardo a qualche data può forse aiutare a convincersene. Guardando alle date, vorrei in primo luogo far notare che per la conoscenza delle opere di Calvino da parte di questi scrittori è necessario rifarsi alla pubblicazione delle rispettive traduzioni in inglese 13 ; e poi ritengo lecito pensare che questi autori siano stati sconosciuti a Calvino prima del suo viaggio negli States del 1959, data 11 I nomi di Borges e Garcia Marquez sono importanti punti di riferimento per tutta la generazione postmoderna, e li vedremo ancora comparire nel corso di questa tesi. 12 Alla affermazione del valore e alla definizione dei “classici”, ed alla compilazione di un proprio canone letterario, Calvino consacrò molta parte dei suoi scritti teorici, un lavoro di cui in parte rende conto la raccolta postuma Perché leggere i classici, Mondadori, Milano, 1991. 13 Nell’intervista citata, Calvino nota a proposito di John Barth: “… è lui che, pur non leggendo altro che l’inglese, è un po’ l’ambasciatore dell’America nei confronti delle nuove letterature europee.” (Il corsivo è mio )

Anteprima della Tesi di Andrea Luppi

Anteprima della tesi: Destini incrociati: Italo Calvino e gli scrittori americani postmodern, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Andrea Luppi Contatta »

Composta da 277 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4822 click dal 16/03/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.