Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 CAPITOLO 1 LA GLOBALIZZAZIONE DEI SETTORI E DELLE IMPRESE: ELEMENTI TEORICI E STRATEGICI 1.1. Introduzione In questo capitolo si è cercato di elaborare una definizione quanto più esaustiva del termine “Globalizzazione” considerandone le diverse implicazioni sull’impresa e sull’ambiente. Partendo dalle teorie sviluppatesi negli ultimi anni in tema di globalizzazione, sono state considerate le implicazioni di tale processo sia dal lato economico – ambientale che industriale (globalizzazione dei settori) fino a giungere alle importanti influenze che manifesta sulle scelte strategico – competitive delle imprese operanti in ambito internazionale. Si vedrà, infine, come la globalizzazione dell’economia mondiale abbia dilatato i confini spaziali nella ricerca delle fonti di un vantaggio competitivo per un’impresa, spostando il fulcro del vantaggio competitivo dal contesto del paese di origine ad un contesto internazionale nel quale l’azienda potrà sfruttare, sia nuove fonti di vantaggio ambientali prima irraggiungibili che svilupparne internamente di altre grazie agli stimoli e all'esperienze maturate in un tale sistema competitivo allargato.

Anteprima della Tesi di Francesco Gibbi

Anteprima della tesi: Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Francesco Gibbi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10299 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.