Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 Ad un estremo dello spettro la concorrenza internazionale assume una forma che potrebbe essere definita multidomestica (multilocale). La concorrenza in ciascuna nazione (o in ciascun piccolo gruppo di nazioni) è essenzialmente indipendente. All'estremo opposto dello spettro si trovano i settori industriali globali, nei quali la posizione competitiva di un’impresa in una nazione influisce in modo significativo sulla sua posizione in altre nazioni e viene influenzata da essa. I rivali competono fra loro su una base veramente mondiale, sfruttando i vantaggi che derivano da tutta la loro rete di attività mondiali. Le imprese mettono assieme i vantaggi che ricavano dalla loro base domestica con altri dovuti dalla loro presenza in molte nazioni, quali ad esempio le economie di scala, la possibilità di servire clienti multinazionali ed una immagine di marca che può essere trasferita. La capacità di raggiungere il vantaggio competitivo nei settori industriali globali conta molto ai fini del commercio e degli investimenti internazionali. 1.4.1. Il vantaggio competitivo mediante la strategia globale 7 La strategia globale è quella nella quale un’impresa vende i suoi prodotti in molte nazioni e impiega, per farlo, un approccio strategico integrato su scala mondiale. Il solo fatto di essere una multinazionale non significa avere una strategia globale, infatti, nel caso l’impresa abbia consociate autonome che operino indipendentemente in ogni nazione offrendo un prodotto altamente rispondente ai gusti locali, con una strategia di marketing ed immagine ad hoc, un siffatto approccio sarebbe da definirsi multilocale. Ovviamente, tra le due strategie “pure” esistono delle posizioni intermedie. L’efficienza di una maggior componente globale piuttosto che multilocale nella strategia dipenderà dal grado di globalizzazione raggiunto dal settore di appartenenza 8 . 7 George Yip, “Global Strategy in a World of Nation”, estratto da “Transnational Management”, Bartlet – Ghoshal , Edito da Mc. Graw Hill, 2000. 8 Del grado di globalizzazione del settore si parlerà in seguito nel capitolo.

Anteprima della Tesi di Francesco Gibbi

Anteprima della tesi: Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento, Pagina 12

Tesi di Master

Autore: Francesco Gibbi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10299 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.