Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 3. Drivers di Governo; dipendono dalle politiche governative in materia di commercio internazionale, investimenti esteri e libero flusso di capitali: ƒ Politiche commerciali favorevoli (basse barriere tariffarie e non tariffarie all'import); ƒ Standard di prodotto compatibili con quelli internazionali; ƒ Regole di marketing omogenee a quelle internazionali; 4. Drivers Competitivi; unici drivers endogeni e perciò completamente controllabili dall’impresa: ƒ Interdipendenza dei Paesi attraverso l’organizzazione delle attività ƒ Essere un concorrente globale, sviluppando strategie di “follow the leader”, “oligopolistic competition” e cercando il “first mover advantage” dove possibile. I leader globali nascenti di un settore industriale cominciano sempre con qualche vantaggio in patria, che sia una concezione innovativa di un prodotto, un livello di qualità più elevato o un vantaggio nel costo dei fattori. Tuttavia, affinché il successo duri nel tempo di solito è necessario che l’impresa non si fermi a quello stadio. Il vantaggio domestico deve diventare il punto di appoggio per penetrare nei mercati esteri. Una volta lì, il concorrente globale di successo integra il vantaggio iniziale della base domestica con economie di scala o con vantaggi in termini di reputazione che gli vengono dal vendere a livello mondiale. Col passare del tempo il vantaggio competitivo viene integrato (o vengono annullati gli svantaggi della base domestica) insediando determinate attività, opportunamente scelte, nelle nazioni estere. Anche se il vantaggio iniziale della base domestica è difficile da mantenere nel tempo, una strategia globale può contribuire ad arricchirlo e ad espanderlo. I costi dei fattori, essendo un vantaggio di livello inferiore, sono una fonte spesso elusiva e fugace di vantaggio competitivo per un concorrente internazionale, così come lo sono per un concorrente nazionale. Questo lo si è visto con chiarezza, per esempio, nel caso dell’abbigliamento.

Anteprima della Tesi di Francesco Gibbi

Anteprima della tesi: Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento, Pagina 9

Tesi di Master

Autore: Francesco Gibbi Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10299 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.