Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di pricing per titoli azionari: la valutazione in economie dinamiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 in ragione del fatto che l’impresa è considerata alla stregua di un’organizzazione potenzialmente perpetua, impongono la stima di un flusso infinito di dividendi, compito non di certo facile nonostante gli attuali strumenti a disposizione. In secondo luogo è ragionevole aspettarsi che nel tempo la politica di payout della società vari parallelamente alle sue capacità di reddito. Ora, introducendo alcuni assunti semplificatori, possiamo immaginare che la prosecuzione nel tempo dell’attività caratteristica dell’impresa si svolga in uno stato di crescita in cui i dividendi sono supposti aumentare ad un tasso annuo, ritenuto costante, indicato con g. Quindi vale: )1( 1 gDD tt Ne fa seguito una siffatta specificazione del prezzo: ƒ φ 1 1 )1( )1( i i it t t r gD P da cui si ricava la più familiare espressione: )( gr D P t t Il principale limite della versione a crescita costante, nota anche come modello di Gordon, va individuato proprio nelle ipotesi che circondano il tasso g. Di fatto, assumere che la politica di dividendo adottata dalla generica società rimanga inalterata, per giunta su di un orizzonte temporale infinitamente lungo, è alquanto riduttivo. La teoria finanziaria ha così sviluppato delle tecniche di valutazione alternative, più complesse, sebbene non così tanto quanto la versione generalizzata, che prospettano una crescita multiperiodale per stadi, ciascuno dei quali risulta contraddistinto da un differente tasso di crescita dei dividendi. Partendo dal modello a due stadi, la teoria propone una scissione dell’orizzonte temporale di riferimento in due segmenti, di cui il primo esteso sino alla data T e caratterizzato dalla prevedibilità dei flussi, vedrà il payout dell’impresa crescere ad un tasso arbitrariamente specificato pari a 1 g , mentre il

Anteprima della Tesi di Valentina Pasotto

Anteprima della tesi: Modelli di pricing per titoli azionari: la valutazione in economie dinamiche, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Pasotto Contatta »

Composta da 635 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4105 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.