Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli di pricing per titoli azionari: la valutazione in economie dinamiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 free corrisposto dal generico investimento, o portafoglio di investimenti, è commisurato al rendimento in eccesso del portafoglio di mercato per mezzo di un coefficiente beta (che riassume in termini di rischiosità, la correlazione esistente tra titolo e mercato) segnò così il definitivo passaggio alla moderna teoria finanziaria. Successivamente alla sua pubblicazione il CAPM divenne oggetto preferenziale di numerosi studi, finalizzati di volta in volta ad estenderne la valenza pratica, a precisarne le istanze teoretiche e non di rado a confutarne la validità dei presupposti logici. Tra i lavori più significativi condotti intorno al modello in parola si colloca senza dubbio quello di Black del 1972 meglio noto come Zero-Beta CAPM, cha adattava le versione originale al caso in cui non fosse disponibile sul mercato un impiego/finanziamento al tasso certo, e ancora quello di Treynor e Black del 1973. Di impostazione più prammatica, quest’ultimo prendeva spunto dalla radicale innovazione introdotta nelle pratiche dell’investment management dai nuovi paradigmi di mercato e sviluppava alcune considerazioni sulla costruzione e sulla gestione di portafogli legando il CAPM al single-index model di Sharpe. Più precisamente, il modello di Treynor e Black sanciva in via definitiva alcune regole guida fondamentali per la gestione di portafoglio mediante strategie di benchmark, o in alternativa tramite strategie attive di variazione del grado di diversificazione, riconducibili ad una serie di scommesse avanzate sulle performance prospettiche dei singoli titoli. Non meno risonanza ebbe qualche anno più tardi la teoria dell’Arbitrage Pricing di Ross (1976), che si pose al centro della scena accademica e professionale come criterio alternativo di selezione e come soluzione ai limiti soprattutto pratici progressivamente evidenziati dai test condotti sul CAPM. Si trattava di un modello multifattoriale, che in antitesi alla singolarità dell’indice che caratterizzava la precedente teoria, proponeva una molteplicità di fattori esplicativi del rischio sistematico e delle forze motrici dei corsi azionari, i quali dal canto loro erano supposti sviluppare una data sensibilità verso non uno ma più moventi pervasivi. In sintesi, ammettendo che il modello noto come APT risultasse ben specificato e non esistesse alcun rischio diversificabile, la legge del prezzo unico imponeva l’esistenza di un legame lineare tra il rendimento atteso del singolo titolo, i fattori di rischio ritenuti significativi e i rendimenti attesi delle altre attività. Se così non fosse stato gli arbitraggisti avrebbero avuto la possibilità di attivare

Anteprima della Tesi di Valentina Pasotto

Anteprima della tesi: Modelli di pricing per titoli azionari: la valutazione in economie dinamiche, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Pasotto Contatta »

Composta da 635 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4105 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.