Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I processi per debito nella Roma del 1600

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Introduzione Questa indagine sul credito nasce dalla curiosità di scoprire sempre più in che modo il popolo romano nel 1600 si comporta nella quotidianità, in che modo si relaziona con la moneta che lentamente si sostituisce a quel vecchio sistema medievale fondato sullo scambio in natura, conosciuto meglio come baratto. Parliamo di coloro che sembrano assenti, sembrano quasi non esserci, eppure senza le loro attività commerciali e artigianali, senza le denunce per rivendicare dei diritti o per salvare la propria posizione economica non si sarebbe potuto costruire con solide basi quel sistema di riforme del periodo ‘illuminato’. Questa assenza si potrebbe attribuire al fatto che quando si cita Roma nel XVII sec. ciò che si impone in primo piano è sicuramente la monarchia papale con i suoi intrecci politici, risalto dovuto anche a quelle guerre di religione che imperversano per tutto il secolo, che coinvolgono, e nello stesso tempo, travolgono stati come la Spagna, la Francia e i Paesi Bassi. E queste guerre ci conducono sempre a Roma, sempre più gelosamente custodita e abbellita, impenetrabile e chiusa, con le sue belle e preziose carrozze, con il via vai di principi e di re, fasto e grandiosità, ricchezza e

Anteprima della Tesi di Vita Locantore

Anteprima della tesi: I processi per debito nella Roma del 1600, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Vita Locantore Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 996 click dal 29/09/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.