Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Da pubblico a privato: Il Museo Virtuoso. La Fondazione MIC di Faenza.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 2.3 La Scuola di Ceramica 2 Lo sviluppo delle manifatture locali ebbe un’altra battuta d’arresto per la crisi finanziaria, che coinvolse le Fabbriche Riunite di Ceramica alla fine del 1908. Nonostante tutto, il problema si trovava alla radice e fu abilmente risolto da Gaetano Ballardini tramite la creazione della Scuola di Ceramica per la formazione e l’avvio alla professione. Attraverso l’istituzione di questa scuola s’ intendevano risolvere problemi di tipo tecnologico, estetico e funzionale. Furono proprio coloro che avevano vissuto in prima persona le vicende travagliate delle fabbriche d’inizio secolo, a portare insegnamenti di tipo tecnico in questa nuova scuola. Ma solo pochi di quelli che uscirono dalla scuola, andarono a supportare l’artigianato locale e la ceramica d’arte, molti di essi, infatti, divennero leve tecniche per l’industria nazionale e per le scuole di ceramica di tutta Italia e talvolta anche all’estero. 2.4 La politica degli acquisti/donazioni e il Premio Faenza Linea costante del museo, fin dalle sue origini, è stata quella di arricchirsi attraverso acquisti, ma soprattutto donazioni, tutte rigorosamente documentate. La ceramica italiana contemporanea continuò ad essere documentata a partire dagli anni trenta con i concorsi annuali del Premio Faenza, che dagli anni ’60 divennero internazionali, facendo in modo che il museo acquisisse opere di artisti e di manifatture di tutto il mondo. Dal 1989, i concorsi internazionali sono diventati biennali. 2 da Faenza nel novecento, Edit Faenza 2001

Anteprima della Tesi di Giulia Ventrucci

Anteprima della tesi: Da pubblico a privato: Il Museo Virtuoso. La Fondazione MIC di Faenza., Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Giulia Ventrucci Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1605 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.