Due traduzioni ceche del Poema Gory di Marina Cvetaeva

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 1988; Basník a car, 1992 e Lichý střevíc, 1996) e due monografie dedicate rispettivamente al Poema Konca (1981) e al Poema Gory (1992). Oltre alle due traduttrici sopra menzionate, si sono occupati della Cvetaeva diversi studiosi cechi, tra i quali vanno ricordati in particolar modo Galina Vanečková e Olga Uličná che si sono occupate soprattutto dell’aspetto linguistico (Uličná, Pražské poemy Mariny Cvětajevové, 1991; Vanečková, Poetičeskie simvoly Mariny Cvetaevoj in Poezija, Simvol, Perevod, 1990) e del rapporto tra la poetessa e la capitale ceca (Vanečková, Marina Cvětajevová a Praha, 1984 e Praha Mariny Cvětajevové,1993), nonché Zdeněk Mathauser e Jiří Honzík. Galina Vanečková è anche presidente dell’Obščestvo Mariny Cvetaevoj, nata a Praga nell’aprile del 2001, che si propone di mantenere viva nella Repubblica ceca la memoria della poetessa russa. Grazie a questa associazione è stato possibile raccogliere presso la Slovanská Knihovna di Praga una considerevole quantità di materiale riguardante la Cvetaeva ed è stata organizzata una mostra dal titolo Smert’ i žizn’ poeta. Espressione dell’amore dei praghesi nei suoi confronti è anche la targa commemorativa posta in Švědská ulice al n°51/1 373, dove visse tra il 1923 e il 1924, fortemente voluta fin dal 1982 e posta subito dopo la caduta del regime comunista nel dicembre del 1989. Nella Repubblica ceca si sono tenute anche alcune significative conferenze internazionali, come quella svoltasi a Dobřiš nel 1992 in occasione dei 100 anni dalla sua nascita e quella del 2000 a Všenory, in occasione dei 75 anni dalla nascita del figlio. E anche il centro russo di cultura ha organizzato in suo onore serate cui hanno partecipato poeti, attori, cantanti e studiosi cechi e russi, e ha ospitato mostre come quella proveniente da Aleksandrov intitolata Aleksandrovskoe leto Mariny Cvetaevoj, tenutasi nei mesi di settembre-ottobre 2002.

Anteprima della Tesi di Maria Cristina Motta

Anteprima della tesi: Due traduzioni ceche del Poema Gory di Marina Cvetaeva, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Cristina Motta Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1857 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.