Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche per la valutazione del ritardo end to end nelle reti ATM

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione Università di Cagliari 3 La qualità di servizio è una caratteristica molto importante. Nelle comuni reti telefoniche, la QoS è misurata in termini di ritardo per ottenere il dial-tone (segnale acustico), ritardo per il set-up (inizializzazione) della connessione, disponibilità della linea, affidabilità della connessione e qualità del suono (rumore). La maggior parte delle reti attuali non implementano garanzie di QoS, ma si limitano a fornire servizi di tipo “Best Effort”, ossia forniscono agli utenti il servizio migliore possibile in quel momento. In ATM la qualità di servizio richiesta alla rete dagli utenti si articola in garanzia sulla banda desiderata, sui ritardi di trasferimento dell’informazione, sulla priorità dell’informazione e sul tasso di perdita delle celle. La rete deve essere capace di assicurare che ogni dato traffico utente non influenzi la qualità di servizio degli altri utenti. ATM non è basata su uno specifico mezzo fisico di trasmissione. Infatti, può essere usata su fibre ottiche, doppino, cavo coassiale. Tuttavia essa è prevista per essere utilizzata principalmente su reti in fibra ottica, con velocità di trasmissione compresa tra 1,5 Mbps e 622 Mbps.

Anteprima della Tesi di Luca Orrù

Anteprima della tesi: Tecniche per la valutazione del ritardo end to end nelle reti ATM, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Luca Orrù Contatta »

Composta da 111 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1048 click dal 21/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.