Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento della malattia mentale. Il CSM di Rimini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 eziologico che metteva insieme cretinismo, imbecillità, psicosi, alcolismo, pellagra ecc., con vere e proprie patologie di origine organica, o con semplici disagi e stranezze comportamentali. La segregazione manicomiale avveniva attraverso la riduzione ad unica categoria generale di diverse manifestazioni fenomenologiche, indicanti particolari degenerazioni o qualche diversità dalla norma. La psichiatrica nasce proprio con lo scopo di classificare i soggetti malati attraverso categorie cliniche. Inoltre, poiché si notò sempre più il legame tra fenomeni patologici e malattie sociali, si pensò ad una specie di predisposizione sociale e ad una dipendenza di fattori morali della follia, al punto che i primi esponenti della psichiatria, come Chiarugi, Pinel, Esquirol e Girolami, insistettero sulle terapie di recupero della moralità, come fondamento dell’eventuale riabilitazione, avvicinando l’intervento medico al fattore educativo, come base per l’acquisizione di una maggiore disciplina comportamentale. Se non è possibile una società capace di dare una collocazione e una identità al folle, allora si pensa ad una società alternativa ideale per lui con un ordine morale-disciplinare che gli consenta di ritrovare, attraverso un percorso educativo, una ragione alternativa e una rinnovata identità. L’emarginato, il rifiutato, l’improduttivo, le varie figure espulse dal contesto socio-economico e familiare diventano folli per definizione, proprio perché internati. Se, secondo alcuni studiosi, le tecniche psichiatriche non erano in grado di curare la follia, ma solo di classificarla, la conclusione era che i malati di mente dovevano essere, per la maggior parte, incurabili. Questa visione pessimista induceva a rivolgersi a teorie mediche per le quali la follia era una malattia fisica o, forse, una tara ereditaria, e il pazzo una persona regressiva e irrecuperabile.

Anteprima della Tesi di Maura Gobbi

Anteprima della tesi: Il trattamento della malattia mentale. Il CSM di Rimini, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Maura Gobbi Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20345 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 40 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.