Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 CAPITOLO 2. STRUMENTI UTILIZZATI un'interfa ia he onsenta di eettuare foto e di spedirle ad una stam- pante di rete; • Una stampante he nis a l'in hiostro a olori può rendere nota in maniera automati a la sua transizione di stato da stampante-a- olori a stampante-in-bian o-e-nero; • Una stampante he nis a la arta può ambiare il suo stato in offline; Un sistema basato su Jini, detto an he federazione, è un insieme di lien- ti e servizi omuni anti tra di loro tramite i proto olli ompatibili ol frame- work: nella maggior parte dei asi questo signi a appli azioni Java omuni anti tramite RMI. 2.2 Remote Method Invo ation (RMI) RMI è un me anismo he onsente l'invo azione di metodi su oggetti remoti, mas herando la te nologia rete sottostante[WW04, SRW04, E k03, JBM+℄. Dato un oggetto X, in ese uzione su una ma hina A, he metta a dispo- sizione al uni dei suoi metodi e data una appli azione Y, in ese uzione su una ma hina B, grazie a RMI Y può utilizzare i metodi pubbli ati da X ome se entrambi gli oggetti si trovassero sulla stessa ma hina (vedi Figura 2.1 a fronte in alto). RMI utilizza la serializzazione Java [PB02℄, una te nologia he permette di trasformare un oggetto in un insieme di byte pronti per essere trasferiti da una JVM ad un'altra. L'entità he si o upa della gestione delle omuni azioni tra X ed Y è hiamata proxy (letteralmente pro ura). La parte bassa della Figura 2.1 nella pagina su essiva mostra un esempio del funzionamento di RMI in ui un oggetto Y invo a il metodo m1 esposto dall'oggetto remoto X. Il suo omportamento può essere riassunto nelle sei fasi seguenti: 1. l'oggetto Y in ese uzione sulla ma hina B invo a il metodo m1 sul proxy stub dell'oggetto X; 2. il proxy stub, he si trova su B, redirige al proxy skel sito sulla ma hina A la hiamata al metodo m1; 3. il proxy skel invo a il metodo m1 sull'oggetto X; 4. X esegue il metodo e restituis e il risultato al proxy skel; 5. il proxy skel spedis e i risultati al proxy stub;

Anteprima della Tesi di Patrizio Dazzi

Anteprima della tesi: JJPF: uno strumento per calcolo parallelo con JINI, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Patrizio Dazzi Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 611 click dal 21/03/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.