Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il paesaggio agrario e le politiche paesaggistiche della regione Umbria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Capitolo 2 Le politiche paesaggistiche 2.1 Convenzione europea del Paesaggio Gli Stati membri del Consiglio d’Europa condividono l’obiettivo di salvaguardare e promuovere gli ideali e i principi che costituiscono il loro patrimonio comune, e il desiderio di pervenire ad uno sviluppo sostenibile fondato su un rapporto equilibrato tra i bisogni sociali, l’attività economica e l’ambiente. In questo contesto il paesaggio è considerato una componente fondamentale del patrimonio culturale e naturale dell’Europa e una risorsa favorevole all’attività economica, capace di creare posti di lavoro se adeguatamente salvaguardato, gestito e pianificato. E’ evidente che i paesaggi europei hanno subito nel corso degli ultimi cinquanta-sessanta anni una veloce trasformazione dovuta alle evoluzioni delle tecniche di produzione agricola, forestale, industriale e pianificazione mineraria e delle prassi in materia di pianificazione territoriale, urbanistica, trasporti e così via. Così come è evidente che il paesaggio rappresenta un elemento chiave del benessere individuale e sociale. Pertanto, la salvaguardia, la gestione e la pianificazione del paesaggio comportano diritti e responsabilità per ciascun cittadino che deve essere chiamato a svolgere un ruolo attivo nella sua trasformazione attraverso uno strumento dedicato esclusivamente alla salvaguardia, alla gestione e alla pianificazione di tutti i paesaggi europei. Al fine di sensibilizzare gli Stati europei ad attivare tale strumento il Comitato dei Ministri della Cultura e dell’Ambiente del Consiglio d’Europa, il 19 luglio 2000, ha adottato il documento noto come “La Convenzione Europea del Paesaggio”. La firma della Convenzione 3 è avvenuta in Italia il 20 ottobre 2000 presso il Salone di Palazzo Vecchio a Firenze ed è stata firmata da ventisette Stati della Comunità europea e ratificata da dieci. In tale documento si mettono a punto, sul tema del Paesaggio, sia riflessioni teoriche che direttive operative per i paesi 3 Diversi sono i testi giuridici esistenti a livello internazionale prima della stesura della Convenzione sul paesaggio, quali: 1) la Convenzione sulla tutela del patrimonio mondiale, culturale e naturale (Parigi, 16 novembre 1972); 2) la Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica e dell'ambiente naturale d'Europa (Berna, 19 settembre 1979); 3) la Convenzione-quadro europea sulla cooperazione transfrontaliera delle collettività o autorità territoriali (Madrid, 21 maggio 1980) e i suoi protocolli addizionali; 4) la Convenzione per la salvaguardia del patrimonio architettonico d'Europa (Granada, 3 ottobre 1985); 5) la Carta europea dell'autonomia locale (Strasburgo, 15 ottobre 1985); 6) la Convenzione sulla biodiversità (Rio, 5 giugno 1992); 7) la Convenzione europea per la tutela del patrimonio archeologico (rivista) (La Valletta, 16 gennaio 1992); 8) la Convenzione relativa all'accesso all'informazione, alla partecipazione del pubblico al processo decisionale e all'accesso alla giustizia in materia ambientale (Aarhus, 25 giugno 1998).

Anteprima della Tesi di Simone Bartolini

Anteprima della tesi: Il paesaggio agrario e le politiche paesaggistiche della regione Umbria, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Agraria

Autore: Simone Bartolini Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11466 click dal 29/04/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.