Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'arte terapia in carcere: valenze terapeutiche e risocializzanti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 1.2 UN CONTESTO TERAPEUTICO NON CONVENZIONALE: IL CARCERE A partire dal 1975, data che sancisce la riforma dell’Ordinamento Penitenziario italiano (L.354/75), la concezione della pena assume ufficialmente i caratteri di un trattamento ri-educativo e ri-socializzante del soggetto detenuto che sia conforme ai principi di umanità, rispetto e dignità della persona. In particolare, all’interno dell’Ordinamento succitato, si trovano una serie di articoli che approfondiscono il tema del trattamento rieducativo (art. 13, art.15, art. 16, art. 27) e del ruolo importante che così dovrebbero assumere gli psicologi nella progettazione e nella realizzazione di tale trattamento (art. 80). L’articolo 80 ha permesso l’ingresso in carcere di personale “esperto” specializzato tra cui gli psicologi, ai quali è stato affidato principalmente il compito di svolgere attività di osservazione e trattamento sui detenuti. “L’osservazione” ha lo scopo di monitorare il comportamento del detenuto a contatto con la realtà penitenziaria per poter formulare poi un trattamento rieducativo personalizzato; per “trattamento” si intende invece la progettazione, da parte dello psicologo, di un programma che miri a potenziare gli aspetti positivi della personalità del soggetto reo e a colmare le lacune o correggerne gli aspetti devianti in vista di un concreto processo maturativo. Le indicazioni fornite dall’Ordinamento Penitenziario in riferimento al trattamento sono che: “…deve rispondere ai particolari bisogni della personalità di ciascun soggetto…”; deve essere progettato “…in base ai risultati dell’osservazione…”; “il trattamento è attuato secondo un criterio di individualizzazione in rapporto alle specifiche condizioni dei soggetti”. Inoltre si fa riferimento alla possibilità, per attuare il trattamento previsto, di avvalersi dell’istruzione, del lavoro, della religione o delle attività culturali, ricreative e sportive presenti nell’istituto di pena. Nell’Ordinamento Penitenziario dunque non si parla certo di trattamenti psicoterapeutici, ma si incarica il personale “esperto”, fra cui psicologi, psichiatri e criminologi, di svolgere attività di osservazione e trattamento: tra le tecniche ri- educative e ri-socializzanti proposte da uno psicologo però rientra sicuramente anche la psicoterapia. Anzi, la psicoterapia da anni dimostra di essere un potente e valido aiuto per accogliere le persone e portarle ad attuare significativi cambiamenti di personalità in direzione di una crescita e di un miglioramento della qualità della vita.

Anteprima della Tesi di Silvia Cottino

Anteprima della tesi: L'arte terapia in carcere: valenze terapeutiche e risocializzanti, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Silvia Cottino Contatta »

Composta da 151 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11047 click dal 23/03/2005.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.