Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal nuovo principio dell'esenzione nella tassazione dei dividendi al regime opzionale della trasparenza fiscale. Scelte di convenienza.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 CAPITOLO PRIMO IL NUOVO REGIME DI TASSAZIONE DEI DIVIDENDI. 1. Dal vecchio al nuovo regime. “Armonizzazione del sistema fiscale italiano con quello degli altri Paesi dell’Unione Europea”: è questo uno dei criteri direttivi che hanno ispirato la riforma fiscale avviata con la Legge Delega 07/04/2003 n°80 e intenzionata ad adottare un modello fiscale omogeneo a quelli più efficienti già in essere nei Paesi Europei, al fine di incrementare la competitività del sistema produttivo. In una realtà sempre più aperta e globalizzata, il sistema fiscale di ciascun Paese deve necessariamente essere, per quanto possibile, omogeneo ai sistemi fiscali degli altri, affinché la conseguente standardizzazione e la neutralità degli stessi possano interferire sempre meno sulle scelte di convenienza delle imprese e delle persone 2 . Tale è stato il principio ispiratore che ha portato all’elaborazione del nuovo regime di tassazione dei dividendi tra soggetti IRES e che ha completamente stravolto la disciplina prevista dal precedente T.U.I.R. D’altra parte non si può fare a meno di notare che con l’introduzione della riforma fiscale in Germania, nel luglio 2000, l’Italia era rimasta uno dei pochissimi Paesi che ancora ammetteva un sistema di tassazione dei dividendi basato sul credito d’imposta. 3 Ne conseguiva in tal modo un effetto distorsivo del corretto funzionamento del mercato, in quanto, evidentemente, l’acquisizione di società residenti in Italia, da parte di soci non residenti, con la costituzione di una società locale, risultava meno onerosa dell’acquisizione di una società in qualunque altro Stato. La riforma ha così modificato la filosofia di fondo della tassazione dei dividendi eliminando il meccanismo del credito d’imposta e passando dal cosiddetto “metodo dell’imputazione” al “metodo dell’esenzione”. 2 Cfr. Relazione- Delega al Governo per la riforma del sistema fiscale statale, C. 2144. 3 Il metodo dell’esenzione solo di recente introdotto anche in Germania, è invece sempre stato operante in Olanda, Belgio e Lussemburgo.

Anteprima della Tesi di Francesca Martucci

Anteprima della tesi: Dal nuovo principio dell'esenzione nella tassazione dei dividendi al regime opzionale della trasparenza fiscale. Scelte di convenienza., Pagina 3

Tesi di Master

Autore: Francesca Martucci Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5478 click dal 23/03/2005.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.