Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli uomini... il secondo sesso? Considerazioni mascoliniste sulla condizione dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il suo studio si basa sull’osservazione della popolazione degli indiani Mehinaku, che vi- vono nel Brasile centrale. Essi abitano un territorio isolato, hanno pochi contatti con la cultura dei bianchi e per questo sono molto pacifici 28 . La virilità, è una virtù sociale (la più alta) e per questo è vissuta come un fatto pubblico. Il loro motto potrebbe essere tradotto in fate l’amore e non la guerra. La lotta, è per loro uno sport giornaliero e quindi viene praticata con fair–play, ma anche con molto spirito di competizione. Un campione, sarà riconosciuto come un vero uomo e potrà conquista- re una moglie, ma poi è l’atto sessuale l’unica vera garanzia per confermare la virilità conquistata. A causa di questo principio, è molto comune tra gli uomini Mehinaku l’ansia da prestazione, alla quale si cerca di riparare con terapie magiche. Mentre gli uomini si dimostrano ossessionati dal sesso, parlandone in continua- zione, le donne, non dimostrano o meglio, non devono dimostrare, interesse al riguardo, se non come forma di baratto: viene loro offerto cibo in cambio di prestazioni sessuali. Per questo, al vigore sessuale, si deve accompagnare anche un successo materiale otte- nuto in qualsiasi modo anche con il furto che, infatti, è molto diffuso tra i villaggi vicini. È anche necessario dimostrarsi iper-attivi e la virilità è trasmessa come etica sociale del- la responsabilità. Le tensioni a livello di substrato non mancano (favorite anche da una cultura molto pri- mitiva), le superstizioni abbondano e, se pur raro essendo un popolo non violento, non è insolito che un uomo possa essere accusato di stregoneria e per questo ucciso 29 . Gregor, interpreta la necessità di dimostrarsi uomo come espressione della paura della regressione - il timore di subire l’influenza della donna l’accrescimento del sentimento di bisogno di protezione 30 . Gilmor, non è assolutamente concorde con la teoria di Gregor che non tiene conto dell’ambiente circostante. Gregor, per giustificare questa necessità di essere uomo ad ogni costo, attribuisce importanza solo alla paura di regressione presente in questa cul- tura, ma questa, non può soddisfare le somiglianze che ci sono tra culture diverse e che trascendono i confini 31 . 28 T. Gregor, “Mehinaku: The Drama of Daily Life in a Brazilian Indian Village”. University of Chicago, Chicago 1949 29 M. Marshall, “Weekend Warriors”. 30 T. Gregor, “Mehinaku: The Drama of Daily Life in a Brazilian Indian Village”. 31 D.D. Gilmore, “Genesi del maschile. Modelli culturali di virilità”. 21

Anteprima della Tesi di Rita Lemmo

Anteprima della tesi: Gli uomini... il secondo sesso? Considerazioni mascoliniste sulla condizione dell'uomo, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rita Lemmo Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4732 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.