Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gli uomini... il secondo sesso? Considerazioni mascoliniste sulla condizione dell'uomo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

In Inghilterra, paese apparentemente civilizzato, nelle classi alte, avvengono rituali di iniziazione nei collegi delle Pubblic School. Negli Stati Uniti, i Marines, costretti ad innumerevoli prove che attestino il merito ad appartenere a questo corpo e di essere chiamati uomini, rappresentano la massima e- spressione di mascolinità. Altro esempio sono i Boy Scout, i quali nascono sotto il mot- to di trasformare “piccoli ragazzi in grandi uomini” 10 . Anche il matrimonio, così come il sesso, fa parte delle prove alle quali l’uomo de- ve sottoporsi. La potenza sessuale è molto importante soprattutto in giovane età, ma do- po diventa essenziale la capacità di procreazione: senza prole non si è uomini 11 . 1.3. La virilità come ossessione Tutti gli esempi riportati hanno una caratteristica comune: l’ossessione per la viri- lità e il non essere riconosciuti come uomini. La concezione della mascolinità nel Mediterraneo, sembra essere molto individua- lista, disgregante e fautrice di isolamento. In Andalusia, Enrique Tierno Galván, parla di una quasi-religiosa fede nella virilità: chi non è degno di essere “macho”, viene definito “flojo” vale a dire mollo, ozioso e fiacco (lo stesso termine viene anche utilizzato per indicare un qualcosa di irresponsabile o privo d’uso) 12 . La timidezza sessuale, è considerata una grave inadeguatezza, quasi tragica. A questo proposito, Gilmore, riporta la storia di Lorenzo, ragazzo andaluso di 30 anni. La gente, diceva che avesse paura delle ragazze e non avendo un lavoro, era anche conside- rato un parassita sociale. Tra i suoi amici, c’era molta preoccupazione: Lorenzo, aveva scordato “come essere uomo” ed il suo stato di alienazione, era dovuto dal terrore del palcoscenico: il ragazzo, aveva una patologica paura del rifiuto e questo gli impediva di interpretare il suo ruolo di uomo. In realtà, lui si sentiva un uomo sensibile e non pro- fessava la fede nella virilità, tanto cara ai suoi paesani. 10 M. Herzfeld, “The Poetics of Manhood: Contest and Identity in a Cretan Mountain Village”. Princeton University Press, Princeton 1985 11 D.D. Gilmore, “La genesi del maschile. Modelli culturali della virilità”. 12 E. Tierno Galván, “Desde el Espectáculo a la Trivilización”. Taurus, Madrid 1961 15

Anteprima della Tesi di Rita Lemmo

Anteprima della tesi: Gli uomini... il secondo sesso? Considerazioni mascoliniste sulla condizione dell'uomo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rita Lemmo Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4758 click dal 08/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.