Skip to content

Enduring Freedom. Retorica umanitaria e spersonalizzazione nella nuova guerra in Afghanistan

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Prefazione Alle 8:45 dell’11 settembre 2001 un aereo di linea si schianta contro una delle Twin Towers, nel centro di Manhattan. Dopo 18 minuti, anche la seconda torre viene colpita, mentre il mondo sta a guardare. Non può essere stato un incidente. Mentre i giornalisti cercano di raggiungere il World Trade Center, un piccolo esercito di passanti digitali racconta al mondo la tragedia di New York, in diretta. “Web-cam, macchine fotografiche, registratori e telefonini cominciarono come d’incanto a passarsi il testimone riprendendo lì dove l’altro staccava, in modo da fornire un unico infinito e dettagliatissimo streaming di documenti, una sequenza di file, dove tutta la tragedia dell’America si raccoglieva nella sequenza binaria di 0 e 1.” 1 Ancora una volta i media sembrano accreditarsi come cronisti della storia, addirittura veicoli di una costruzione collettiva dell’evento in cui il “reporter diffuso” ha soppiantato il giornalista nel ruolo di testimone della storia. I mezzi di comunicazione, palcoscenico abilmente utilizzato dal nuovo terrorismo globale, ripetono ossessivamente le immagini di distruzione e contribuiscono a diffondere paura e desiderio di rivalsa. Si fanno choros degli eventi. Forniscono frames interpretativi, delineano l’evoluzione dei fatti, aiutano la società ad elaborare il lutto per le vittime e lo shock per il crollo di miti fondamentali: l’inviolabilità del territorio, la superiorità tecnologica ed economica, la sicurezza. In pochi giorni, mentre i muri di New York e i media si trasformano in un sacrario post- moderno per i primi caduti della guerra al terrorismo, gli inviati di tutto il mondo assediano l’Afghanistan, costretti ancora una volta a rimanere lontani dagli eventi, prigionieri della miope censura e della rozza propaganda talebane, dipendenti dal raffinato news management alleato. Secondo una logica apparentemente paradossale, la guerra nuova e “invisibile” annunciata dal Pentagono inonda lo spazio mediatico: centinaia di ore e migliaia di pagine raccontano il nuovo conflitto secondo trame, ruoli e framing sostanzialmente identici a quanto visto negli ultimi conflitti che hanno coinvolto la comunità internazionale. In una sorta di assolutizzazione della guerra asimmetrica, l’unica superpotenza mondiale, incarnazione dei valori libertari e dei miti occidentali, si accinge a sferrare il primo colpo della guerra contro “l’asse del Male” in uno dei territori più poveri e 1 Mezza, Michele, “È l’innovazione, bellezza! Sulla professione dopo l’11 settembre”, in Problemi dell’informazione, XXVI, n. 4, 2001, pp. 359-370.
Anteprima della tesi: Enduring Freedom. Retorica umanitaria e spersonalizzazione nella nuova guerra in Afghanistan, Pagina 1

Indice dalla tesi:

Enduring Freedom. Retorica umanitaria e spersonalizzazione nella nuova guerra in Afghanistan

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ilaria Buselli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Enrico Menduni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 390

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afghanistan
diritti umani
guerra umanitaria
intervento umanitario
media e guerra
organizzazioni non governative
spettacolo del dolore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi