Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La pubblicità sociale: WWF e il caso DETOX

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Cenni storici 1.1 Come definirla Definire la persuasione è impresa assai complessa come definire la pubblicità. Per praticità è utile riprendere le diverse formulazioni forniteci dai vari studiosi del ramo come Cronkhite 1 , Cacioppo 2 , Reardon 3 , Fishbein. La persuasione è un atto intenzionale di comunicazione che, se raggiunge il proprio obbiettivo, fa mutare gli atteggiamenti cognitivi o affettivi del destinatario nei confronti di un oggetto o di un’ azione, nel senso voluto dall’emittente. Con parole più semplici: si compie un atto di persuasione quando con un messaggio si riesce a fare in modo che la persona a cui si è rivolti cambi la propria maniera di pensare e di sentire, guardando in modo diverso da quello che aveva precedentemente. Eminenti personaggi come DeFleur e Ball Rokeach sostengono che “l’unico obbiettivo 1 G. Cronkhite, La persuasione. Comunicazione e mutamento del comportamento, Milano, Franco Angeli, 1975. 2 R. E. Petty e J. T. Cacioppo, Comunicazione e Persuasione: percorso centrale e periferico nel cambio dell’atteggiamento, New York, Springer Verlag, 1986. 3 K. K. Reardon, Persuasione. Teorie e contesto, Beverly Hills e Londra, Sage Pubblications, 1981. - 5 -

Anteprima della Tesi di Federico Bigiarini

Anteprima della tesi: La pubblicità sociale: WWF e il caso DETOX, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Federico Bigiarini Contatta »

Composta da 148 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3934 click dal 24/03/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.