Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid-file distribuito

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid file distribuito Cap. 1 ~ Strutture dati e grid file 13 ogni macchina svolge, o è portata a svolgere. Ad esempio ci saranno alcuni peer che tengono fisicamente in gestione i dati in share; essi quindi sono punti di storage per regioni ma anche punti da cui possono partire richieste di ricerca di tipo puntuale (dette query exact match) o per intervallo (le range query). Inoltre possono per svariati motivi essere presenti attori esterni, nel senso che fanno parte della struttura in quanto hanno effettuato join alla rete, inseriscono nuove risorse in essa ma non ne prendono gestione. Quest’ultima viene affidata ai peer precedenti, mentre essi si adoperano solamente per l’inserimento e la ricerca nelle sue forme. Va fatta una categorizzazione dei peer proprio a tale scopo, non per questo intaccando le fondamenta della filosofia peer-to-peer, in quanto ogni macchina può cambiare in ogni momento il suo ruolo divenendo dell’altra specie. Sono detti S-peer (o server) coloro che contribuiscono a porre il loro hardware per immagazzinare la struttura dati vera e propria del GGF, a mantenere quindi copia fisica dei contenuti della rete. Essi prendono in gestione un certo numero di regioni. Tale numero non deve superare una certa soglia detta “ Regions-per-server” avente lo stesso ruolo del bucket-size per le regioni. Durante la creazione delle regioni, alla necessità di uno split, si creerà una ed una sola regione in più rispetto alla configurazione stabile precedente. In questo caso bisognerà controllare se il server ospitante la regione oggetto di split sia in grado di prendere in gestione altre regioni. Se il controllo è affermativo la nuova regione creata la si affiderà a lui, se negativa si dovrà cercare nel modo migliore un altro S-peer per farlo. Sono C-peer coloro che invece sono uniti alla rete ma non prendono parte a compiti di storage. Possono in ogni modo effettuare inserimenti di risorse nella community, risorse che poi verranno prese in gestione dagli S-Peers e possono altresì lanciare query di ricerca per trovare e servirsi dei dati immagazzinati Inserimento, splitting, bilanciamento e ottimizzazione della struttura Le funzioni supportate da GGF non ancora descritte comprendono funzioni d’aggiunta d’informazioni e casi in cui tali aggiunte mandano in overflow regioni e server rispetto ai parametri di sistema, funzioni di manutenzione della

Anteprima della Tesi di Emiliano Ciotti

Anteprima della tesi: Indagini empiriche e teoriche sulle prestazioni di reti peer-to-peer basate su grid-file distribuito, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Emiliano Ciotti Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 867 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.