Skip to content

Chi conosce il domani? Il mondo Igbo attraverso Chinua Achebe

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 coltivazione dell’igname, grosso tubero simile alla patata dolce americana, e fondamento della vita quotidiana e sociale della comunità. Infatti, la festa della semina degli ignami (Festa dei Nuovi Ignami 5 ) segna anche l’inizio dell’anno nuovo; l’importanza dell’igname è riscontrabile anche in un altro mito della creazione dell’uomo, secondo cui Chukwu, l’Essere Supremo, avrebbe piantato l’igname nella foresta e poi, una volta cresciuto, lo avrebbe ridotto a pezzetti, comandando loro di crescere e moltiplicarsi: tutti quei pezzetti di igname divennero poi uomini. Gli Igbo quindi sono dediti all’agricoltura, meno all’allevamento (domesticando capre, pecore, polli – quest’ultimi utilizzati per sacrifici e offerte agli antenati – , e raramente bovini), sebbene il luogo fosse popolato, più in passato che oggi, da numerose specie di animali di grossa taglia, ma anche serpenti, insetti (ritroviamo le locuste nel romanzo di Achebe), e tartarughe. Del resto, questa abbondanza di animali è anche riscontrabile nei racconti e fiabe tradizionali degli Igbo, che spesso vedono come protagonisti uccelli, serpenti e la tartaruga, considerata “re degli animali” 6 . Gli Igbo hanno poi una solida tradizione di commerci alle spalle, solitamente intessuti con le etnie confinanti gli odierni Nigeria e Camerun (solo in tempi recenti il commercio si è esteso anche al di fuori della Nigeria, e della stessa Africa, venendo a contatto con i mercanti europei); gli Igbo scambiavano prodotti di palma, noci di cola (Cola acuminata 7 ) e cocco con bovini, manufatti o semplicemente cauri (Cypraea moneta), la “moneta” di scambio degli Igbo, usata ancora all’inizio del XX secolo. Inoltre, importante ricordare che gli Igbo, dopo che la tratta degli schiavi fu dichiarata illegale, riuscirono a sopravvivere in quanto adattarono il proprio commercio alla nuova, legale, richiesta occidentale di olio di palma: per questo, i fiumi nel delta del Niger vennero denominati come i “fiumi dell’olio”. 5 Questa festa rappresenta l’inzio del nuovo anno, il Capodanno igbo, in cui il mondo si ricostituisce, si fonda nuovamente, ma conservandosi e preservandosi, «contro il rischio di disgregazione ad opera di forze settoriali e centrifughe». Per questo, i vecchi ignami dell’anno passato vanno bruciati, e si seminano nuovi ignami che rappresentano il nuovo, il futuro. A riguardo, cfr. LATERNANI, VITTORIO, La grande festa. Vita rituale e sistemi di produzione nelle società tradizionali, Dedalo, Bari, 2004, p. 396. 6 Cfr. la raccolta di fiabe igbo di Ben Amushie: BEN AMUSHIE, La tartaruga re degli animali e altre favole igbo della Nigeria, EMI, Bologna, 1995. 7 La noce di cola è fondamentale, oltre che per i momenti di solidarietà e ospitalità, per le pratiche rituali degli Igbo, in quanto essa è strumento per ottenere risposte sul futuro dal mondo soprannaturale: il rito prevede lo spezzare della cola in spicchi, quindi la riunione di questi, poi nuovamente l’apertura, in un gesto che significa allo stesso tempo unità del gruppo e accettazione delle possibilità del futuro. Quindi, gli spicchi vengono lasciati cadere, in modo da ricevere responsi dal mondo degli spiriti.
Anteprima della tesi: Chi conosce il domani? Il mondo Igbo attraverso Chinua Achebe, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Chi conosce il domani? Il mondo Igbo attraverso Chinua Achebe

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Giglio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Luisa Faldini Pizzorno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 96

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

achebe
africa
chukwu
igbo
nigeria
okonkwo
popoli africani
things fall apart
tribali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi