Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il test di primalità di Miller-Rabin e il metodo crittografico di ElGamal

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

INTRODUZIONE I INTRODUZIONE La crittografia è l’arte di secretare i messaggi in modo tale che solo il legittimo de- stinatario, utilizzando una chiave segreta di decifrazione, possa leggerli. Natural- mente, fino a qualche decennio fa, si crittografavano messaggi ed informazioni solo in ambito militare e diplomatico. Le cose sono cambiate in maniera radicale con la nascita di Internet: oggi c’è una reale necessità di proteggere, secretare e firmare giornalmente un flusso enorme di informazioni. Va anche ricordato che il 1976 è una data fondamentale nella storia della crittogra- fia: infatti, ad opera di Diffie e Hellman (e subito dopo il 1978 con Rivest, Shamir, Adleman) nasce la cosiddetta crittografia a chiave pubblica. Oggi la crittografia è una scienza complessa, strettamente collegata con importanti rami della Matemati- ca, come la Teoria dei Numeri. E’ interessante, a questo proposito, ricordare la se- guente frase del celebre matematico inglese G. H. Hardy: “…both Gauss and lesser mathematicians may be justified in rejoicing that there is one science [number theory] at any rate, and that their own, whose very remoteness from ordinary human activities should keep it gentle and clean...” - G. H. Hardy, “A Mathematician’s Apology”, 1940 Probabilmente Hardy, se fosse a conoscenza degli attuali sviluppi della crittografia, resterebbe molto stupito. Questa tesi è sostanzialmente divisa in tre parti: nella prima parte (capitoli 1, 2, 3) vengono presentati tutti i prerequisiti aritmetici e teorico numerici, oltre a qualche cenno di teoria della complessità computazionale, necessari per comprendere le successive applicazioni crittografiche. La seconda parte (capitolo 4) contiene materiale più propriamente crittografico, la terza parte (capitolo 5) presenta un approfondimento di alcuni aspetti algoritmici e statistico probabilistici del test di primalità di Miller – Rabin.

Anteprima della Tesi di Mirko Dal Pozzo

Anteprima della tesi: Il test di primalità di Miller-Rabin e il metodo crittografico di ElGamal, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Mirko Dal Pozzo Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3352 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.