Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' interazione in irc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Preview Capitolo 1: Riepilogo delle teorie sulla cmc in chiave etnografica Perché sia possibile scrivere di una cultura, è necessario capire innanzi tutto se tale cultura contenga simboli, norme, pratiche che siano riconducibili ad un sistema irriducibile a semplici imperativi funzionali e che tali simboli, norme e pratiche abbiano un valore peculiare, oltre che un’universale accettazione dell’esistenza di tale valore; quest’operazione passa per la constatazione dell’esistenza di modi originali di comunicare l’appartenenza a tale cultura e di rendere chiaro agli altri l’identificazione tra quest’appartenenza e l’“io profondo rappresentabile” in altre parole il self goffmaniano, in questo mai raggiungibile tentativo di descrizione dell’unione tra micro e macro, l’etnografo ha il compito di tradurre le “particolarità” in cui è inciampato in un linguaggio universale, che permetta ad altri di entrare, per quanto possibile, nell’habitus del suo oggetto di studio. Ciò che mi propongo con la rassegna di teorie che segue è di descrivere come analisti di varie discipline sociali che si sono cimentati nello studio della cmc, siano gradualmente giunti alla constatazione che essa permette una certa trasmissibilità di simboli della socialità, e pertanto di come per individui che possono comunicare solo attraverso il computer sia possibile la creazione di un orizzonte di realtà nuovo, ma si tenterà di illustrare anche come tale nuovo orizzonte non sia un paradiso d’individui angelici che entrano in contatto empatico senza essere legati a nessuno dei classici meccanismi per la semplificazione della riproduzione della realtà così come si sono conosciuti e studiati finora. Si è quindi coscienti che la chat è uno spazio antropologico ( P.Levy 1994 147) indissolubilmente legato agli altri che vengono esperiti dall’ individuo occidentale (termine da intendere non in senso geografico) e che se si produce un certo agire comunitario, esso da solo non avrà conseguenze sulla percezione della realtà off-line ( né tantomeno conseguenze politiche) senza un cambiamento in tal senso anche negli altri spazi. 1.1 Breve storia sugli studi delle comunità a cmc (in questo paragrafo mi rifaccio, quasi integralmente, alla rassegna di teorie presenti in Paccagnella 2000, e Tosoni 2004, anche se l’interpretazione d’approcci e critiche è libera) Non è facile trovare , nell’ ampia e dispersa letteratura sull’ argomento, il primo o i primi studi su comunità on line , essi sono comunque precedenti la comparsa (1988)del software di jarkko

Anteprima della Tesi di Marco Ferrieri

Anteprima della tesi: L' interazione in irc, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ferrieri Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1751 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.