Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L' interazione in irc

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Oikarinen (www.antiserver.it/irc/storia.html ) 1 che rende possibile la simultanea visualizzazione di testi scritti da diversi utenti in un’ unica finestra in rete (software che , con qualche evoluzione, è tuttora alla base di qualsiasi tipo di chat); seguendo Paccagnella (Paccagnella 2000 21-53 ) 2 nella sua rassegna di teorie si può prendere come fondante il lavoro di Licklieder e Taylor(1968)(http://gatekeeper.dec.com/pub/DEC/SRC/research-reports/abstracts/src-rr-061.html.) 3 ; ma a parte l’ interesse storico di tale saggio, il discorso sulle cosiddette comunità “virtuali” parte da più recenti interessi della psicologia sociale e in particolare dallo studio degli effetti della cmc sulla dinamica delle relazioni all’ interno di ambienti lavorativi, in questo contesto era importante capire come l’ uso del computer potesse modificare le relazioni tra subordinati e superiori e tra lavoratori dello stesso grado , ma soprattutto come l’ introduzione di sistemi informatici per la comunicazione intraziendale potesse influire sulla redditività del lavoro. Nell’ indagare su tali interrogativi si sono compiuti diversi esperimenti in laboratorio ( tra cui è da ricordare quantomeno per la frequenza con cui è citato, Dubrovsky e al.1991); alcuni studiosi (Kiesler, Mcguire, Sprull tanto per citarne alcuni) si sono dedicati a questo filone di studi a partire dai primi anni Ottanta fino ai primi anni del decennio successivo, tali studi hanno preso il nome di “Rudeced social cues” in quanto i risultati delle ricerche effettuate portavano alla conclusione ( anche se , naturalmente, con diverse sfumature a seconda dell’ autore) che la cmc provocava un indebolimento della socialità delle persone che l’ utilizzano, questo in quanto è ritenuta caratteristica intrinseca del medium in questione la sparizione o la messa in disparte del contesto ( fisico e sociale) e di conseguenza un generale attenuamento delle norme sociali che regolano contegno e deferenza (per dirla con Goffman); tutto ciò provoca due conseguenze contrastanti ( Paccagnella 2000 ) maggiore partecipazione, grazie al livellamento degli status e ad un aumento delle comunicazioni informali e minore capacità decisionale , per la ridotta capacità della leadership di imporre una linea di condotta; così l’ approccio RSC conclude con un giudizio sostanzialmente negativo sulle capacità della cmc di veicolare simboli in grado di far nascere una comunità (quest’ ultima affermazione è da intendersi dedotta, in quanto gli interrogativi e gli issue di base non riguardavano il modo con cui qui si intende il concetto di comunità) 4 Al modello RSC rimane il merito di aver iniziato a proporre una visione della cmc non dettata solamente da uno sguardo tecnologico (S.Tosoni2004 39), ma attenta alle dinamiche sociali che sfrecciano al di sopra dei bytes e si deve tener presente che diversi risultati scaturiti da questo modello si sono poi rivelati utili (ovviamente dopo essere stati filtrati) ad altri approcci (uno su tutti quello del postmodernismo radicale); tuttavia il modello è stato abbandonato non appena il fuoco dell’attenzione dei ricercatori si è spostato al di fuori dell’azienda e dei laboratori di psicologia sociale, oltre che per contraddizioni interne che si sono rivelate insanabili (per esempio: come

Anteprima della Tesi di Marco Ferrieri

Anteprima della tesi: L' interazione in irc, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Marco Ferrieri Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1751 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.