Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 in contrapposizione alla cultura della morte, presente nella maggior parte dei poteri istituzionali, da quelli politici e religiosi sino a quelli economici. Riprendere Spinoza vuol dire, prima di tutto, cogliere la carica eversiva che il suo pensiero da sempre rappresenta nei confronti della metafisica tradizionale, che da Platone in poi ha contribuito ad onticizzare il problema dell’essere. Chi ha dedicato l’intera sua interpretazione del pensiero spinoziano a questo tema è, senza dubbio, Deleuze. Egli ha attribuito allo spinozismo lo statuto di vera e autentica ontologia antigerarchica della potenza. Si è voluto iniziare la presente ricerca proprio con Deleuze in quanto ci sembra che è su questo piano dell’immanenza ontologica che non solo ci si deve avvicinare al pensiero di Spinoza, ma soprattutto è da qui che deve partire un approccio contemporaneo che vuole trovare in Spinoza un’etica degli esistenti colti nella loro singolarità orizzontale e non nei loro rapporti verticali con il potere. La rilettura deleuziana può essere interpretata come l’emergenza di una domanda che il presente rivolge al pensiero filosofico contemporaneo, un interrogativo etico sulla comunità a cui le riletture di Negri e soprattutto di Balibar hanno cercato di dare una risposta esauriente. Domandarsi qual è il senso di questa dilagante cultura della sopraffazione, della paura dell’altro, della lotta per il dominio invece che della reciproca espressione, vuol dire, dal punto di vista filosofico, ricercare sul piano ontologico la radice di un pensiero antagonista a quello mortifero della modernità. Un pensiero che opponga l’etica antigerarchica della potenza alla morale gerarchica e ordinatrice del potere. Deleuze è il punto di partenza non solo per rileggere Spinoza nel presente, ma anche per intraprendere un cammino che ci porti a valutare le cause di questa moderna politica della guerra. Non c’è frase più adatta a descrivere la malattia dell’uomo presente di quella che Deleuze, parlandoci attraverso

Anteprima della Tesi di Rocco Di Fonzo

Anteprima della tesi: Tre riletture del pensiero di Spinoza nella filosofia contemporanea: G. Deleuze, A. Negri, E. Balibar, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rocco Di Fonzo Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5948 click dal 30/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.