Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Una premessa molto importante che bisogna porre all’attenzione del lettore riguarda il collegamento con la segmentazione effettuata nella definizione della strategia di marketing. A questo proposito occorre sottolineare come segmentazione di marketing e definizione del target group non sempre si sovrappongano 5 : ne deriva perciò l’esigenza di verificare se questi due concetti differiscano. Ciò può essere dovuto al fatto che in alcune circostanze il soggetto destinatario della comunicazione pubblicitaria non coincide con quello che compie materialmente l’azione di acquisto. Questa considerazione dimostra come la scelta del pubblico, ancor prima di essere un obiettivo della pubblicità, rappresenti un obiettivo di marketing. La corretta identificazione del target non solo risponde all’esigenza di avere un quadro ben definito per decidere i mezzi con cui veicolare il messaggio pubblicitario, ma ancora di più è connessa alla necessità di individuare quella parte di pubblico che può maggiormente contribuire al raggiungimento di uno specifico obiettivo. Per un approfondimento dell’identificazione del target group si rimanda al paragrafo dedicato al brief. L’altro elemento che bisogna considerare nella definizione degli obiettivi riguarda la risposta che si attende dall’azione di comunicazione: a questo proposito può essere opportuno citare il modello AIDA 6 . Tale modello cerca di identificare delle possibili reazioni: l’attenzione, ovvero i consumatori devono poter venire a conoscenza di un determinato prodotto, di alcune sue caratteristiche; l’interesse, ovvero la conoscenza di un prodotto deve tradursi in un interesse nei confronti dello stesso, delle sue funzioni e prestazioni; il desiderio, ossia far sorgere nel consumatore il desiderio di volere possedere quel bene e quindi spingerlo a maturare una chiara intenzione di acquisto; e infine l’azione che mira a tramutare l’apprezzamento dimostrato dal consumatore verso il prodotto in un atto di acquisto. È quindi indispensabile 5 GUATRI L. – VICARI S. – FIOCCA R., Marketing, McGraw-Hill, Milano 1999, p. 684. 6 Ibi, p. 685. 33

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11694 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.