Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I. L’impostazione della campagna pubblicitaria I.1 La stesura degli obiettivi pubblicitari La definizione degli obiettivi rappresenta il primo passo nella stesura di una campagna pubblicitaria. Indubbiamente è una momento molto delicato perché eventuali errori compiuti in questa sede hanno conseguenze su tutte le fasi successive. Per questo motivo è doveroso procedere ad una chiara elencazione degli obiettivi che si vogliono raggiungere attraverso una campagna. Tale approccio deve essere accompagnato dalla consapevolezza della pluralità degli obiettivi e dalla necessità di bilanciare il contrasto tra una descrizione dettagliata e particolareggiata, da un lato, e un’elencazione sintetica dall’altro. Si deve dunque trovare una posizione di compromesso tra queste due tendenze. Prima di compiere una rassegna dei possibili obiettivi che caratterizzano una campagna, è essenziale capire il significato di obiettivo pubblicitario e la posizione occupata all’interno della dinamica aziendale. “Si può qualificare come pubblicitario un obiettivo che sia perseguibile esclusivamente o prevalentemente attraverso la pubblicità” 1 . Un modo per ovviare alla sopraccitata eccessiva frammentazione degli obiettivi e nello stesso tempo non incorrere in una semplificazione e banalizzazione del problema, consiste nel definire delle famiglie di obiettivi. All’interno di questa prima classificazione si possono individuare a sua volta degli obiettivi diretti, ovvero direttamente collegati all’intervento pubblicitario che si sta pianificando, oppure degli obiettivi indiretti che si considerano come una conseguenza dei primi. 1 BRIOSCHI E.T., L’efficacia della comunicazione aziendale: un approccio per la sua misurazione, in BRIOSCHI E.T. (a cura di), L’efficacia della comunicazione pubblicitaria: problemi ed esperienze in un contesto internazionale, “Comunicazioni sociali”, 1996, 3-4, p. 408. 27

Anteprima della Tesi di Alessandro Misiti

Anteprima della tesi: La programmazione e il controllo di una campagna pubblicitaria, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Misiti Contatta »

Composta da 300 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11693 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.