Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 la varietà di intonazione della voce su diverse altezze, l’alternarsi di sillabe brevi e lunghe, l’armonioso e cadenzato ritmo del discorso avvicinavano la lingua parlata a un canto espressivo destinato in seguito a perdersi completamente per il livellamento tonale delle lingue moderne. 4 Insomma, nel greco antico, lo iato fra parlare e cantare non era così grande come nelle lingue moderne, non era un altro universo espressivo: e si può dire che, in linea generale, il sogno di tutti quei poeti, quei musicisti che si sono avvicinati al melologo è stato ricreare questa perduta unità, questa naturalezza nel dare suono, espressione alla parola senza dover ricorrere al canto, comunemente avvertito come fittizio e antistorico. E’, infatti, anche l’opinione di Jean-Jacques Rousseau, creatore, con la collaborazione del compositore dilettante Horace Coignet, del melologo (nel 1770 con la scène lyrique Pygmalion), secondo il quale la lingua greca, così armoniosa e musicale, possedeva un intrinseco accento melodioso; bastava solo aggiungere il ritmo per ottenere la declamazione musicale […]. I poeti all’inizio dei loro poemi dicevano a ragione io canto; formula che i nostri hanno ridicolmente conservato. Le nostre lingue moderne, opera di popoli barbari, non sono invece naturalmente musicali, neanche l’italiana; quando si voglia ad esse applicare la musica, occorre prendere grandi precauzioni per rendere questa unione sopportabile. 5 Naturalmente le «grandi precauzioni» consistono proprio nel ripudio della canora trivialità dell’opera in musica, almeno del tipo a lui contemporanea, e nell’esperimento «dai sottintesi così chiaramente polemici se non apocalittici (il Pygmalion è in fondo un’antiopera)» 6 ; ma va ricordato che resuscitare quel segreto legame fra parola e musica era stato proprio il motivo della nascita, agli albori del Seicento, del melodramma, cioè quello stesso genere che Rousseau vede agli antipodi del suo ideale. E in tutta la storia della musica, operistica o paraoperistica, il legame fra verso e suono è stato il problema teorico di fondo, affrontato (e risolto?) nelle maniere più disparate, fino a diventare esso stesso soggetto teatrale, da Prima la musica poi le parole di Salieri (1786) fino a Capriccio di Richard Strauss (1942). La posizione del filosofo ginevrino nasce, senza dubbio, come reazione ad un canto operistico ormai degenerato – sotto il suo punto di vista – a palestra di virtuosismo vocale, sterile, fine a sé e quindi inespressivo o volgare. 4 Ivi, p. 8. 5 JEAN-JACQUES ROUSSEAU, Fragments d’observations sur l’Alceste italien de M. le Chevalier Gluck, in Œuvres complètes, VI, Paris, Librairie Hachette, 1874, p. 224. 6 EMILIO SALA, L’opera senza canto, Venezia, Marsilio, 1995, p. 55.

Anteprima della Tesi di Nicola Corrado Cattò

Anteprima della tesi: "La tragédienne du silence". Ida Rubinstein e le musiche di scena per "La Pisanelle" di Gabriele d'Annunzio, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicola Corrado Cattò Contatta »

Composta da 276 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2219 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.