Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ernst Bernhard (1896-1965): un ''maestro scomodo''della psicologia del profondo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 1.2 L’incontro con C.G.Jung “Jung mi aveva prospettato di lavorare presso di lui come assistente. Ma non se ne fece nulla. Questo rapporto non chiarito tra Jung e me si è trascinato a lungo: una situazione piuttosto spiacevole.” 3 Il primo incontro tra Ernst Bernhard e Carl G. Jung, che segnerà l’inizio di un rapporto difficile, complesso, segnato da avvicinamenti e silenzi singolari, è da ascriversi al gennaio del 1934. Rileviamo questa data da una lettera dello stesso Bernhard del 15 ottobre 1934, nella quale egli scrive a Jung facendo riferimento al loro primo incontro, nel gennaio dello stesso anno, in cui conversarono su di una immagine dipinta da Bernhard. 4 Quest’ultimo, dopo aver svolto due analisi freudiane con Sandor Radò e Otto Fenichel, aveva svolto a Berlino due analisi junghiane con Kathe Buegler (1898-1977) e Toni Sussmann (1883-1967). Con la lettera sopra citata, con la quale Bernhard chiede espressamente di svolgere un lavoro psicologico personale con Jung, si da il via ad un carteggio quanto meno particolare, curato e commentato da Giovanni Sorge, che riflette il poco chiaro rapporto che intercorse tra i due medici. Nel 1935 Bernhard ebbe il primo soggiorno presso Jung a Zurigo, nella stagione invernale, dopo che questi aveva più volte espresso l’impossibilità di incontrarlo a fronte dell’enorme mole di studio e lavoro. La formazione fu quasi sicuramente molto breve, visto che già nel gennaio del 1936, in una lettera da Berlino a Marie-Jeanne Schmid, prima segretaria e collaboratrice dello psicoanalista svizzero, egli afferma di sperare di “poter fare di quando in quando una seduta anche con il prof. Jung.” 5 Intanto Bernhard avrebbe continuato il suo lavoro con la nota analista Toni Wolff, pur richiedendo nuovamente, ma invano, 3 Bernhard, E., 1969, pag. 12. 4 Sorge G., a c. di, 2001. 5 Bernhard E., in Sorge G., a c. di, 2001, pag.27.

Anteprima della Tesi di Mario Ganz

Anteprima della tesi: Ernst Bernhard (1896-1965): un ''maestro scomodo''della psicologia del profondo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Mario Ganz Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3821 click dal 01/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.