Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

SMS e relazione d'aiuto: il caso di @gile, un servizio d'ascolto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 18 - cautela e solamente dopo aver mostrato un’adeguata accettazione e comprensione empatica. ▪ Immediatezza. È la capacità dell’helper di comunicare al cliente in modo aperto e diretto le sue impressioni relative a come si sta svolgendo in quel momento la relazione tra loro. L’helper quindi deve essere in grado di percepire i messaggi impliciti relativi a come l’helpee vive la relazione di aiuto e riformularli esplicitamente. In questo modo egli offre un esempio di come è possibile parlare apertamente delle relazioni in quanto tali e di ciò che si pensa o si percepisce dell’altro in relazione con sé. Ciò che interessa maggiormente Carkhuff sono gli aspetti tecnici legati all’efficacia della relazione d’aiuto; per questo motivo ha elaborato un modello di aiuto molto articolato che offre una guida alla formazione e all’operatività dei counselor. Si potrebbe pertanto dire che «Rogers è più un filosofo, mentre Carkhuff è più pragmatico e più concentrato sui dettagli delle cose» (Folgheraiter, 1989, p. 27). Carkhuff ha gettato le basi per quello che viene chiamato modello integrato di counseling (Fuligni e Romito, 2002, p. 27). Tale modello parte dal presupposto che, indipendentemente dall’orientamento teorico del counselor, sia possibile individuare elementi comuni che legano le diverse pratiche di aiuto. Lo scopo, per esempio, è per tutti dare l’opportunità all’helpee di affrontare la propria vita in modo più pieno e soddisfacente attraverso la ricerca e la mobilitazione di risorse non utilizzate pienamente. Nel modello integrato l’attenzione è posta sulla capacità dell’helper di aiutare i clienti ad esplorare i problemi per comprenderli pienamente e fornire loro delle strategie adeguate a fronteggiare le difficoltà che hanno incontrato e che incontreranno in futuro.

Anteprima della Tesi di Chiara Castelli

Anteprima della tesi: SMS e relazione d'aiuto: il caso di @gile, un servizio d'ascolto, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Castelli Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6651 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.