Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

SMS e relazione d'aiuto: il caso di @gile, un servizio d'ascolto

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 7 - Capitolo primo COUNSELING E RELAZIONE D'AIUTO 1 - IL COUNSELING 1.1 - Quadro storico L’attività di counseling nasce negli Stati Uniti negli anni ’40 grazie ai contributi di Carl Rogers, con la sua elaborazione delle tecniche non direttive, e di Rollo May, che ha composto e pubblicato il primo volume sul counseling (May, 1939, in Di Fabio, 2003, p. 26). Al suo esordio il counseling ha una connotazione di intervento specifico di aiuto in ambito sociale e sanitario con caratteristiche diverse però sia dalla psicoterapia, sia dal lavoro sociale. Il counseling nasce in seguito al passaggio da un’ottica centrata sulla malattia ad un’ottica centrata sulla salute; questo cambiamento ha portato ad una maggiore sensibilità alla qualità della vita ed alla concezione di una prevenzione non più basata sull’evitamento del disagio, ma sulla promozione del benessere fisico e psicologico della persona. Verso la fine degli anni ’50 il counseling arriva in Europa e conosce un rapido sviluppo soprattutto in Gran Bretagna. Qui il counseling trova terreno fertile in ambulatori, consultori e centri giovanili, dove viene impiegato soprattutto per prevenire o modificare comportamenti considerati a rischio, come fumo, droga, alcool, disturbi dell’alimentazione. Poco alla volta si estende anche a diversi problemi esistenziali relativi per esempio alla scuola, al lavoro, alla vita di coppia. Negli anni ’60 il counseling acquista un carattere improntato più marcatamente alla prevenzione medico-terapeutica basandosi soprattutto sull’educazione demografica. La direzione è quella dello sviluppo personale, dell’autoconsapevolezza e autorealizzazione. A partire dagli anni ’70 l’attenzione si sposta sulla realtà giovanile in seguito alla necessità sempre più forte di intervenire in questo ambito, soprattutto a sostegno delle situazioni di emarginazione. In questo periodo inizia a prevalere un orientamento di

Anteprima della Tesi di Chiara Castelli

Anteprima della tesi: SMS e relazione d'aiuto: il caso di @gile, un servizio d'ascolto, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Castelli Contatta »

Composta da 184 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6648 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.