Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetti dell'ozono atmosferico sulle piante officinali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

IV 1. L’OZONO COME INQUINANTE E POTENZIALE RISCHIO PER LE PIANTE Fin dal 1950 gli ossidanti fotochimici sono stati riconosciuti come agenti gassosi potenzialmente tossici per le piante e per l’uomo. Alcuni dei fotossidanti più diffusi sono il PAN, l’acido nitrico, le aldeidi secondarie, l’acido formico. Essi sono inquinanti secondari prodotti principalmente da reazioni fitochimiche a partire da precursori quali ossidi d’azoto (NOx), idrocarburi, composti organici volatili (VOC), monossido di carbonio (CO), metano. Il più importante fotossidante, a causa della sua abbondanza e tossicità, è proprio l’ozono (O3). Gli altri non sembrano costituire un rischio ingente per la salute o

Anteprima della Tesi di Sara Di Criscienzo

Anteprima della tesi: Effetti dell'ozono atmosferico sulle piante officinali, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Sara Di Criscienzo Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2356 click dal 31/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.