Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I germi della realtà: il cinema di Lars von Trier

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Nel 1992 fonda insieme a Peter Albaek Jensen la società di produzione cinematografica Zentropa. Due anni dopo da vita a Riget (Il Regno), lavoro per la televisione, diviso in quattro episodi ed ambientato tutto all’interno di un ospedale. Qui avviene la svolta stilistica del regista; dall’attenzione per la tecnica, la precisione d’immagini, all’improvvisazione e alla casualità delle inquadrature. Il 13 marzo 1995, ad un convegno internazionale sul cinema a Parigi, Lars von Trier legge il voto di castità, o meglio DOGMA 95, ideato con Thomas Vinterberg (autore del primo dogma, Festen). Tutti i film realizzati seguendo le regole del dogma riceveranno un attestato e diventeranno dogmi anch’essi; Idioterne (Idioti), è il dogma del regista. L’anno successivo vince il premio della Giuria e il premio Fipresci al Festival di Cannes, con Breaking the Waves (Le Onde del Destino). Nel 1997 continua la serie televisiva de Il Regno con altri quattro episodi. Nel 2000 porta a termine Dancer in the Dark, primo di una trilogia

Anteprima della Tesi di Francesca Coticoni

Anteprima della tesi: I germi della realtà: il cinema di Lars von Trier, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Coticoni Contatta »

Composta da 141 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6643 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.