Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Business Plan di un'azienda di outsourcing di attività di vendita on-line. Il caso B-commerce

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo Primo Il Business Plan 4 9 le strategie produttive e commerciali che l’impresa pone e porrà in essere per mantenere e accrescere la propria competitività su tale mercato; 9 i risultati attesi, in termini di proiezioni economico-finanziarie, dalla realizzazione del progetto alle sue ricadute sulla struttura aziendale esistente. In altri termini, bisogna quindi spiegare cosa vogliamo fare, perché è opportuno farlo, qual è l’ambiente competitivo esterno in cui ci muoviamo, come pensiamo di essere competitivi sul mercato, quanti ritorni economici e finanziari ci aspettiamo dal progetto che ci proponiamo di porre in essere. Questi aspetti, che richiederanno un serie di valutazioni e considerazioni, rappresentano i punti cardine dai quali un imprenditore non dovrebbe mai prescindere quando effettua una valutazione della propria impresa. A fianco di questi elementi, quando il business plan dovrà essere utilizzato per fini esterni ne troveremo altri comunque fondamentali, che hanno lo scopo di far conoscere l’impresa e i suoi promotori, a descrivere la struttura aziendale, a illustrare prodotti e servizi realizzati, a esplicitare i fabbisogni esterni e tutto ciò che potrà essere utile alla comprensione dell’iniziativa da parte del soggetto nelle varie fattispecie coinvolte. Il business plan consente di fornire una vera e propria “fotografia” della situazione dell’azienda nel suo complesso. Per questo motivo la sua stesura deve essere particolarmente curata ed esaustiva, sia nel contenuto che nella forma di presentazione: le notizie e le idee riportate nel business plan devono essere precise e dettagliate, ma al tempo stesso anche innovative ed accattivanti. Da non sottovalutare è l’aspetto formale: l’impostazione grafica, la cura del layout di pagina, la forma ortografica e grammaticale sono tutti aspetti che possono contribuire, anche in maniera determinante, a fornire un quadro positivo o negativo della realtà aziendale. Molte delle cause che provocano il rifiuto di finanziamenti per un progetto sono spesso rintracciabili già alla prima lettura del business plan. La prima è sicuramente la scarsa credibilità dell’idea, del progetto o dell’imprenditore, riconducibile alla difficoltà di implementazione del progetto, al carente interesse manifestato dal mercato e all’assenza nel progetto di un vantaggio competitivo.

Anteprima della Tesi di Marco Andrini

Anteprima della tesi: Business Plan di un'azienda di outsourcing di attività di vendita on-line. Il caso B-commerce, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Andrini Contatta »

Composta da 367 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10595 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 34 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.