Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La posizione del pubblico ministero nell'ordinamento giuridico italiano. Profili costituzionali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Il rapporto tra il pubblico ministero e il potere giudiziario, invece, è caratterizzato da forti interferenze sia per il suo stato giuridico, che è assimilato a quello del giudice, sia per l'esercizio delle funzioni affidate ai due organi. Il pubblico ministero è posto alle dirette dipendenze del Ministro della Giustizia, da cui dipende gerarchicamente. Il Ministro non si limita ad organizzare burocraticamente le procure, ma incide anche sulle funzioni d'accusa, ad esempio dando ordini relativi all'esercizio dell'azione penale. Non è sempre stato così, infatti, nella Costituzione del 1793 era previsto che pubblico ministero e giudici stessero in carica per un anno solo, per prevenire abusi che potevano sorgere a causa di una carriera prolungata, e fossero eletti da cittadini e/o dal corpo legislativo. 33 Con il termine pubblico ministero, attualmente, in Francia, si indica l'insieme dei magistrati incaricati di difendere gli interessi della collettività nazionale, che costituiscono l'ordine pubblico. 34 I suoi uffici sono organizzati in modo unitario e gerarchico presso ogni grado della giurisdizione penale; nomina e disciplina competono al CSM, i procuratori a capo degli uffici, sono subordinati al Ministro della Giustizia, mantenendo tuttavia ampi margini di discrezionalità. Gli elementi che caratterizzano l'ufficio del pubblico ministero, infatti, sono: la sottoposizione al potere esecutivo e l'organizzazione gerarchica. Un'eccezione rispetto al nostro ordinamento è che in Francia non esiste il potere di avocazione e non è legittima neppure la sostituzione. Sempre in Francia, inoltre, il Presidente della Repubblica è garante dell'autonomia e dell'indipendenza dell'autorità giudiziaria. Lo stesso corpo di magistrati svolge funzioni sia requirenti che giudicanti, non c'è separazione tra pubblico ministero e giudice, il pubblico ministero può diventare giudice e viceversa, ma il fatto che il primo sia subordinato al governo, è considerato elemento di garanzia e di forte riequilibrio, altrimenti il suo potere sarebbe debordante. Questa è una delle principali differenze con il sistema italiano. La garanzia di un pubblico ministero subordinato al governo è però data dal fatto che, in Francia, non esiste una separazione di poteri così forte come in Italia ed è per questo motivo che un pubblico ministero sotto il governo fornisce maggiori garanzie di un pubblico ministero indipendente. 33 Molinari F., op cit., 198 34 Molinari F., op cit., 199

Anteprima della Tesi di Benedetta Giovannetti

Anteprima della tesi: La posizione del pubblico ministero nell'ordinamento giuridico italiano. Profili costituzionali, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Benedetta Giovannetti Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9834 click dal 06/04/2005.

 

Consultata integralmente 37 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.