Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La videoscrittura: riflessione sulla lingua e produzione del testo.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7Ogni insegnante sa quanto sia importante la motivazione nel processo di apprendimento e che si apprende solo se si è motivati: in questo caso, la motivazione non è solo una condizione, ma anche uno scopo, quello di dare agli studenti la possibilità di fare con gusto determinate attività usando gli strumenti tecnologici. Avere a disposizione un computer (hardware e software connessi), o meglio quella macchina così affascinante che a casa viene usata per giocare, trasforma il modo di studiare, di ricercare, di capire, mette lo studente nelle condizioni di apprendere con gusto. La scuola perciò non poteva non riconoscere il valore delle tecnologie, e ignorare i nuovi “gusti”, le nuove abitudini dei giovani, rimanendo indifferente alla rivoluzione “tecnologica” che si sta attuando ormai da tempo. Con la Legge 28 marzo 2003, n.53 è stato ufficializzato l’ingresso delle tecnologie nella scuola italiana (già iniziato per altro, nel triennio 1997-2000, con il Piano di Sviluppo delle Tecnologie Multimediali, messo in atto dal Ministero della Pubblica Istruzione, per dotare le scuole di attrezzature multimediali in “quantità accettabili”); l’art.1 al comma 3, lettera C, sottolinea l’impegno da parte del Ministro nel favorire un piano programmatico di interventi “a sostegno dello sviluppo delle tecnologie multimediali e della alfabetizzazione nelle tecnologie informatiche, nel pieno rispetto del principio di pluralismo delle soluzioni informatiche offerte dall’informazione tecnologica, al fine di incoraggiare e sviluppare le doti creative e collaborative degli studenti”. In particolare, le Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (all.B) intendono promuovere negli alunni, l’acquisizione di tutti i tipi di linguaggio e propone già a partire dalla prima classe elementare “obiettivi specifici di apprendimento” relativi a Tecnologia e Informatica. Ancora, il D.L. 19 febbraio 2004, n.59 (definizione delle norme generali relative alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo dell’istruzione a norma dell’art.1 della legge 28/3/’03, n.53), al Capo III, art.5, comma 1, dichiara che la scuola primaria “…ha il fine di far acquisire e sviluppare le conoscenze e le abilità di base, ivi comprese quelle relative all’alfabetizzazione informatica…”. Se può sembrare piuttosto semplice alfabetizzare gli alunni, non è così semplice preparare i docenti all’uso delle strumentazioni tecnologiche: a tal fine sono stati attivati corsi di alfabetizzazione informatica per insegnanti che avevano l’obiettivo, non solo di fornire le principali nozioni per un corretto uso del pc e delle principali

Anteprima della Tesi di Anna Santon

Anteprima della tesi: La videoscrittura: riflessione sulla lingua e produzione del testo., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Anna Santon Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2736 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.