Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Spesso, ma non sempre, l'apparenza inganna. Reputazione e pettegolezzo come forme di controllo sociale.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il pettegolezzo Una seconda distinzione prende in esame i termini pettegolezzo e maldicenza. Nella maggior parte dei casi il pettegolezzo è innocuo e nasconde nel suo profondo una ricerca di intimità o, al peggio, invidia nei confronti di chi è più fortunato specialmente quando si tratta di successo. La maldicenza invece è una vera calunnia fine a se stessa, gonfiata, interpretata in senso negativo, ingiustificata e gratuita. La maldicenza è quasi sempre intenzionalmente falsa e attribuisce ad una persona delitti e peccati inesistenti per distruggerne la reputazione e la credibilità. A differenza del pettegolezzo, la maldicenza è un resoconto non autorizzato e distorto, atto a danneggiare il buon nome di un’altra persona. 1.3 Il primato delle donne Abbiamo visto che sin dalle radici etimologiche del termine, il pettegolezzo per molto tempo è stato associato ad un debole femminile. Benvenuto [1999] cita l’esempio del termine yiddish yenta, letteralmente “pettegola”, che assume i connotati di una grave ingiuria se riferito ad un uomo. L’inglese shop talk, traducibile in “discorsi da bottega” quando spettegolano le donne, si trasforma in shooting the breeze, ovvero “sparare aria”, se riferito allo spettegolare degli uomini. Una spiegazione possibile è che nei tempi passati, la donna, esclusa dalla vita pubblica e politica, cercasse attraverso l’arte del pettegolezzo di mettere a nudo i segreti di chi invece partecipava a quella fetta di mondo che non le competeva e ricreasse così, nel suo piccolo circolo di amiche, un ambiente simile a quello da cui veniva bandita. Come dice Kapferer [1987]: “Private della vita pubblica, le comari rendono pubblica la vita privata”. 6

Anteprima della Tesi di Chiara Androne

Anteprima della tesi: Spesso, ma non sempre, l'apparenza inganna. Reputazione e pettegolezzo come forme di controllo sociale., Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Chiara Androne Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5159 click dal 05/04/2005.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.