Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le attività di ricerca e sviluppo nel settore delle biotecnologie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 L’evento che cambia radicalmente il mercato, però, è rappresentato dalla dichiarazione, da parte della Corte Suprema americana 8 , della brevettabilità delle forme di vita geneticamente modificate. La possibilità dello sfruttamento economico esclusivo dei risultati delle ricerche effettuate mediante l’impiego della biotecnologia, determina la nascita di numerose imprese science based. Il paradigma biotecnologico ha intrapreso, più tardi, un proprio sviluppo indipendente e parallelo soprattutto nella ricerca di farmaci e terapie per patologie che il paradigma tradizionale non si è dimostrato in grado di affrontare; ha portato a superare la visione della malattia come conseguenza di uno squilibrio biochimico per enfatizzare il ruolo svolto dai geni responsabili della codifica delle informazioni necessarie alla produzione delle proteine da cui dipendono le funzioni organiche 9 . La biotecnologia moderna rivoluziona ampi settori del mondo perché le sue potenziali applicazioni sono molteplici. Essa è utilizzata principalmente nel settore della medicina, in agricoltura, nel settore alimentare, nell’industria e nel settore della salvaguardia dell’ambiente. Inoltre è impiegata in 8 Nel 1980 la pronuncia della Corte suprema intervenne a proposito del caso che coinvolse Anada Chakrabarty che sviluppò un tipo di olio capace di uccidere i microbi. La sua azienda, la General Electric, richiese il brevetto per tale prodotto. Quando il brevetto richiesto fu rifiutato dall’ U.S. Patent and Trademark Office nel 1978, la General Electric avviò un’azione legale. La controversia giunse alla Corte Suprema degli Stati Uniti che agì in favore della Chakrabarty e della General Electric. Chakrabarty si aggiudicò il primo brevetto per un microrganismo manipolato geneticamente. 9 PLUNKETT M.J., ELLMANN J.A., La chimica combinatoria ed i nuovi farmaci, in Le Scienze, 1997.

Anteprima della Tesi di Natalia Vela

Anteprima della tesi: Le attività di ricerca e sviluppo nel settore delle biotecnologie, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Natalia Vela Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8346 click dal 19/04/2005.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.