Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il processo di liberalizzazione delle public utilities I provvedimenti del 1903 e del 1925 hanno rappresentato il fulcro della regolamentazione dei servizi pubblici locali fino alla approvazione della legge 142 di riforma delle autonomie locali nel 1990. La legge 142/1990 introduceva nuovi modelli gestionali. Tali servizi potevano essere gestiti: 9 in economia direttamente dai Comuni; 9 in concessione a terzi, che diversamente da quanto previsto dal Testo Unico del 1925 possono essere soggetti sia pubblici che privati; 9 a mezzo di azienda speciale, derivante dal modello dall’azienda municipalizzata, ma con una importante differenza: la personalità giuridica. Questo elemento contribuisce all’indipendenza dell’azienda speciale dall’ente locale, consentendone sia l’autonomia organizzativa che quella gestionale; 9 a mezzo di istituzione per i servizi a carattere sociale; 9 a mezzo di S.p.A. a prevalente capitale pubblico locale (il requisito della maggioranza di capitale pubblico viene abolito con la legge 498/92); 9 attraverso forme associative e di cooperazione; 9 attraverso consorzi fra enti locali del tutto equiparabili alle aziende speciali. Con il passare del tempo, quindi, grazie alla legge di riordino delle autonomie locali (Legge n. 142/1990), gli Enti locali hanno avuto la possibilità di scegliere quale formula utilizzare per raggiungere al meglio i propri obiettivi. Le Amministrazioni Locali, in questo modo, hanno rinnovato le proprie strategie di intervento sul territorio. A questa riforma aveva contribuito anche la crisi della politica e degli Stati nazionali alla fine degli anni ’80, dovuta in parte alla notevole complessità del sistema di amministrazione pubblica, legata all’intervento diretto in alcuni processi di produzione e consumo della ricchezza. La gestione delle imprese in mano agli enti pubblici (nazionali o locali), a causa dei forti deficit in cui erano incorsi, aveva portato ad una grossa perdita di fiducia, da parte della opinione 9

Anteprima della Tesi di Alfonso Ardolino

Anteprima della tesi: La liberalizzazione del settore delle utilities. Opportunità o nuova minaccia per la Regione Campania?, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alfonso Ardolino Contatta »

Composta da 216 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5435 click dal 07/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.