Il knowledge management nella distribuzione moderna: strumenti e soluzioni di business intelligence

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 1.2.1 La curva del valore dell’informazione L’informazione nel mondo del business comporta generalmente potere, solo pochi dirigenti di alto livello hanno accesso a informazioni finanziare consolidate. Non tutte le informazioni riguardanti un’azienda possono essere diffuse senza restrizioni tra i suoi dipendenti (riservatezza e responsabilità). Esistono diversi modelli di gestione dell’informazione, tali modelli hanno subito un’evoluzione storica nel corso degli ultimi vent’anni. La dittatura dell’informazione era il modello utilizzato negli anni ’80, ma viene ancora utilizzato in alcune organizzazioni; si caratterizza per la presenza di grandi sistemi basati su mainframe, in cui l’estrazione delle informazioni utili è un procedimento difficile e non flessibile. Solo alcuni dirigenti d’alto livello hanno accesso a tali informazioni attraverso sistemi chiamati Executive Information Systems (EIS), attraverso un’interfaccia personalizzata i dirigenti possono controllare aree chiave del business e prendere le decisioni in base a queste informazioni, gli EIS sono complessi da programmare, costosi e rigidi nell’uso. Il problema degli EIS è che si crea una profonda spaccatura tra chi ha le informazioni e chi non le possiede L’anarchia dell’informazione nasce quando individui o interi reparti prendono in mano direttamente le proprie esigenze informative. Negli anni ‘80-90 con la diffusione dei desktop e con la disponibilità di database, fogli elettronici e altri software applicativi, divenne funzionale per i vari reparti creare i propri sistemi informativi, questo si tradusse in feudi di dati, o silos di dati realizzati su piattaforme e applicativi hardware e software eterogenei, incapaci di comunicare tra loro, i dati relativi ai clienti non erano immagazzinati a livello centrale, ma gestiti a livello locale sui singoli PC. Quando un venditore lasciava la ditta, spesso anche le informazioni da lui gestite andavano perse, sorgono, inoltre, problemi di coerenza dei dati e difficoltà di integrazione degli stessi; dati contrastanti, imprecisi e non integrati possono compromettere le attività di un’organizzazione, in quanto, si possono verificare situazioni in cui un dirigente riceve un report con dati contrastanti da due uffici diversi, mettendo in dubbio la validità delle informazioni.

Anteprima della Tesi di Gesualdo Gulino

Anteprima della tesi: Il knowledge management nella distribuzione moderna: strumenti e soluzioni di business intelligence, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gesualdo Gulino Contatta »

Composta da 339 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5055 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.