Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le lotte per l'emancipazione della donna: dall'età giolittiana al secondo dopoguerra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 facendo non solo aprì una crisi internazionale di vaste dimensioni ma mise a re- pentaglio l’intesa faticosamente costruita coi socialisti,da sempre antibellicisti.Per recuperare terreno nei loro confronti l’allora Presidente del Consiglio pensò bene di concedere il suffragio universale,anche se solo maschile(ancora una volta furono le donne a dover sopportare i costi sociali di ambigui compromessi politici).L’introdu- zione di quest’ultimo,che avvenne due anni dopo suscitando tra l’altro,come vedremo in seguito,il miope compiacimento di Turati a cui fece da contraltare l’amaro quanto lucido e sibillino disappunto della Kuliscioff,fu uno degli ultimi atti significativi del- la età giolittiana.Da quel momento in poi,lo statista piemontese fu travolto dagli e- venti e a nulla valsero gli accordi stipulati con l’area cattolica attraverso il patto Gen- tiloni,in base al quale l’elettorato cattolico avrebbe dato il voto ad uomini decisi a so- stenere in parlamento la scuola privata,l’istruzione religiosa e l’indissolubilità del ma- trimonio.Nel 1914 Giolitti,fautore di una soluzione neutralista allo scoppio della pri- ma guerra mondiale,si dimise.L’età giolittiana era terminata. La caratteristica principale della strategia politica giolittiana è dunque la volontà di mediazione.Essa nasce dall’esigenza di compattare spinte ed istanze contrapposte,ini- zialmente inconciliabili.Porsi apertamente al fianco di uno degli schieramenti in cam- po sarebbe stato un suicidio politico perché,vista la natura antitetica degli stessi schie- ramenti,si sarebbe prodotta una deleteria radicalizzazione degli scontri che avrebbe,a sua volta,dato adito all’interno del tessuto sociale a pericolose lotte intestine.La me- diazione dunque,era necessaria.Quest’ ultima,per essere proficua,deve svolgersi secondo i canoni di una corretta dialettica fino a culminare nel raggiungimento della

Anteprima della Tesi di Marcellino Lombardi

Anteprima della tesi: Le lotte per l'emancipazione della donna: dall'età giolittiana al secondo dopoguerra, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marcellino Lombardi Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22481 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.