Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Ma dove stanno i riti, professoressa?''. Interazione ed eventi esplicativi in contesti scolastici.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 bambino è un “apprendista, che sotto la guida di un esperto [l’adulto] si appropria degli strumenti concettuali che caratterizzano una certa attività”. Ancora Barbieri e Devescovi (ibidem) affermano: “Nell’interazione con l’adulto, il bambino non solo si impossessa di una certa rappresentazione del mondo socialmente condivisa, ma apprende anche come si fa a capire che il mondo è fatto in un certo modo”. Gli studiosi ritengono, in altre parole, che l’interagire con l’adulto sia di fondamentale importanza, non solo per lo sviluppo di capacità specificamente interattive o linguistiche, ma anche per lo sviluppo delle conoscenze. Il bambino, a sua volta, imparerà a dare delle spiegazioni sul comportamento altrui, e, crescendo, lo farà in modo sempre più soddisfacente, giacché quest’abilità va di pari passo “con lo sviluppo delle capacità cognitive e con l’arricchimento dell’esperienza di vita” (Girardet, 1993: 202). La spiegazione, quindi, ha un ruolo fondamentale nell’interazione con gli altri ed è essa stessa un’attività sociale, poiché, come continua Girardet (ibidem), “si spiega qualcosa a qualcuno per ottenere un cambiamento nell’interlocutore”. L’atto esplicativo è infatti un’azione sociale che avviene in un contesto comunicativo ed influenza il comportamento e i processi cognitivi dell’interlocutore (Barbieri & Devescovi 1989: 143). La spiegazione, inoltre, può nascere oltre che in contesti quale la richiesta esplicita (di spiegazioni), anche da una situazione di disaccordo, poiché, come sostengono Orsolini & Pontecorvo (1989: 162-163), “vi è una certa evidenza empirica che il ‘non essere d’accordo’ è un contesto socio- comunicativo in cui, fin dalle prime interazioni bambino-adulto, i partecipanti si sentono ‘obbligati’ a rispettare la norma del dare ragioni e offrire giustificazioni”.

Anteprima della Tesi di Paola Manganaro

Anteprima della tesi: ''Ma dove stanno i riti, professoressa?''. Interazione ed eventi esplicativi in contesti scolastici., Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Paola Manganaro Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1589 click dal 14/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.