Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tematica dell'ambiente nelle relazioni industriali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La tematica dell’ambiente nelle relazioni industriali Danilo Tomasini 11 novembre 1999 aspetti della salute sul lavoro. Fenomeni che portano non solo ad una caduta di legittimazione sociale delle imprese, ma comportano anche costi più alti, spesso di tipo immateriale (immagine); • Il processo di globalizzazione dell’economia, e l’entrata in vigore del Mercato Comune Europeo, hanno portato all’internazionalizzazione delle politiche settoriali, vale a dire che la regolazione nazionale viene sempre più sostituita da nuove norme sovranazionali; • l’emanazione del regolamento di management ambientale da parte della Comunità europea (EMAS), ha aggiunto un nuovo elemento con cui le imprese devono fare i conti per accreditarsi sul mercato come imprese ecologiche. Tutte queste tendenze segnalano un processo di progressiva apertura dei sistemi nazionali di relazioni industriali alle istanze dell’ambiente esterno, con cui il processo produttivo deve sempre più fare i conti, un’apertura che, se incontra ancora diversi ostacoli a livello “macroeconomico” (Governo, Associazioni di categoria), risulta invece assai estesa a livello “micro”, di singola impresa, nella concreta attività di contrattazione tra le parti.

Anteprima della Tesi di Danilo Tomasini

Anteprima della tesi: La tematica dell'ambiente nelle relazioni industriali, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Danilo Tomasini Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1640 click dal 12/04/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.