Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'edutainment come fonte di valore per l'impresa e l'individuo.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 3 - due componenti: la radice “-duc-” si riferisce al campo semantico del verbo “ducere”, in prima istanza traducibile con “condurre”; il prefisso “e-” è invece riferibile alla preposizione “ex” il cui significato è “da”, “a partire da”, “fuori da”. Dunque educatio significherebbe letteralmente “l’atto di condurre da”, “condurre a partire da”, “condurre fuori da”. È ben ravvisabile in questa parola una forma di tensione inarrestabile. Siamo infatti di fronte a un vocabolo che, nella sua stessa radice, comunica un’idea di dinamicità, di continua evoluzione, di passaggio dal noto verso l’ignoto. 2 E’ particolarmente affascinante riflettere su un dettaglio etimologico del termine educazione, e cioè il fatto che all’interno di questo lemma sia tracciato un “limite”. Questo “limite” non è – come spesso intuitivamente si pensa – un limite di arrivo. Nella parola educazione non è infatti insita immediatamente l’idea di un “traguardo”. Il limite evocato è solo quello di partenza (la particella è “e-”, non “in-”): giacché si potrà essere facilmente “in-dottrinati” o “in-struiti”, ma mai “in-ducati”. Questo “limite di partenza” è interpretabile almeno in due modi diversi: da un lato può essere visto come “l’insieme delle conoscenze e abilità già acquisite da un soggetto”, un limite dal quale l’educazione muove senza tregua, nella convinzione che è sempre possibile avanzare nel sapere (Bloom, 1956); dall’altro lato può essere visto come “il soggetto stesso” (Gardner, 1988) in quanto, come ben evidenzia la maieutica socratica, è sempre a partire dal soggetto dell’esperienza 2 H. Gardner (1988) ben riassume questo stesso concetto citando il dialogo platonico “Menone”, in cui Socrate pronuncia la seguente frase: “…per questo, che, cioè, pensando sia quasi un dovere cercare ciò che non si sa, diverremo migliori, più forti e meno pigri, che se ritenessimo impossibile trovare e non dover cercare quello che non sappiamo; per questo, se ne fossi capace combatterei con forza, con la parola e con i fatti”; pag. 2.

Anteprima della Tesi di Andrea Panza

Anteprima della tesi: L'edutainment come fonte di valore per l'impresa e l'individuo., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Panza Contatta »

Composta da 323 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3953 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.